Commenta

Zafferano nuovo
oro dell’Oglio Po?
L’idea che piace

zafferano_ev

Nella foto un fiore di zafferano

BOZZOLO/RIVAROLO MANTOVANO/SAN MARTINO DALL’ARGINE – Tre sindaci assieme per promuovere la coltivazione dello zafferano. Un’idea partita da Vanessa Gandolfi e Martina Parisio, che insieme hanno fondato “Verdure sott’Oglio”. Nella giornata di sabato Giuseppe Torchio assieme ai colleghi Alessio Renoldi e Massimiliano Galli, rispettivamente primo cittadino di Bozzolo, San Martino dall’Argine e Rivarolo Mantovano, hanno fatto un giro in tutti e tre i comuni, compresa la frazione di Cividale proprio per sostenere l’opportunità fornita da quella che è considerata la spezia più costosa al mondo. E proprio per questo la più redditizia.

Originario del mondo asiatico in particolare di India e Iran, lo zafferano è arrivato anche in Italia con le regioni di Umbria, Marche, Abruzzo e Sardegna che ne hanno sfruttato le potenziali caratteristiche. Adesso la novità potrebbe coinvolgere anche i terreni dell’area casalasco-mantovana, tenendo presente oltretutto che nella vicina Rivarolo del Re già esisteva questo tipo di coltivazione, precisamente nella  località “Gialdine”, così chiamata proprio per il colore della spezia.

“Coltivare zafferano è un’idea molto interessante e di nicchia soprattutto per chi ama la terra. Anche per usufruire di opportuni e reali finanziamenti pubblici”: questo in sintesi il pensiero emerso dall’incontro dei tre sindaci. Se il nome zafferano si ispiri, come pare, allo splendore dello zaffiro e di conseguenza ne insegua anche il valore commerciale, appare più che mai opportuno interessarsi a questo nuovo settore per sopperire alla scarsa redditività delle altre coltivazioni tradizionali.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti