Commenta

Viadana, M5S dice no
alla riforma
della scuola

m5s-viadana_ev

Nella foto, il gruppo di M5S Viadana

VIADANA – Per domenica 24 maggio alle ore 11 in via Manzoni davanti alla biblioteca MUVI, il MoVimento 5 Stelle Viadana ha organizzato un’agorà con i parlamentari Nicola Morra, vicepresidente 1ª commissione permanente Affari Costituzionali in Senato e Luigi Gaetti, vice presidente commissione Antimafia Bicamerale, per appoggiare la lista civica M5S Viadana e il candidato sindaco Alessandro Teveri e tutta la Giunta 5 Stelle presentata la settimana scorsa. “Sono invitati tutti i cittadini – spiegano i pentastellati -, in particolare è un’occasione per studenti, insegnanti e operatori scolastici per parlare della scellerata Riforma sulla Scuola voluta dal governo Renzi”.

Ecco sette motivi dell’M5S per dire no alla riforma scuola di Renzi.

1-L’IDEA DI SCUOLA AZIENDA. In nome di una presunta autonomia scolastica, la scuola si trasforma in un’azienda guidata da un preside-manager che potrà scegliersi i professori in totale autonomia e a suo completo piacimento. Non sappiamo con quali criteri potrà farlo, ma immaginiamo con quali conseguenze per la libertà di insegnamento dei professori e per la loro autonomia professionale e intellettuale.

2-IL DIETROFRONT SULLE ASSUNZIONI. I 150 mila precari che il governo aveva promesso di assumere sono diventati 100mila e non sappiamo ancora se assunti tutti a settembre o spalmati su due anni. Tutti gli altri, prima illusi e poi disillusi, rimarranno a bocca asciutta e la guerra tra poveri, tra i precari di serie A e quelli di serie B, continuerà. La verità è che senza investimenti è impossibile avere nuove cattedre e dare lavoro ai precari che aspettano da troppo tempo.

3-SOLDI ALLE PARITARIE. I soldi per assumere tutti i precari non ci sono, ma quelli per foraggiare le scuole paritarie sì. Così nella riforma c’è spazio pure per gli sgravi fiscali per le famiglie che iscrivono i propri figli in una scuola privata.

4-BONUS CULTURALE AI PROF. Renzi dà un bonus di 500 euro l’anno ai professori per incentivare il loro consumo culturale, come se la formazione culturale e professionale potesse essere gestita o incentivata dall’alto. Quei soldi, invece, potevano servire per finalità culturali destinate agli studenti e alle loro famiglie.

5-IL BLUFF DELLA CLASSI POLLAIO. È stato annunciato lo stop alle classi pollaio, ma non si capisce come ciò avverrà. Le classi, infatti, continueranno ad essere accorpate e aumentate per numero di alunni per la cronica mancanza di personale.

6-IL RICATTO. Il governo ha scelto di procedere con un disegno di legge e lo ha fatto non per favorire il dialogo con le altre forze politiche, ma per scaricare sul Parlamento la responsabilità di un eventuale ritardo nell’approvazione della riforma, che farebbe saltare le assunzioni dei nuovi insegnanti previste per l’inizio del nuovo anno scolastico. E’ un ricatto: il governo ha impiegato 6 mesi per scrivere questa riforma, ma ora il Parlamento o la approva in fretta e furia così com’è oppure sarà responsabile del caos che si avrebbe a settembre senza assunzioni avviate.

7-LE DELEGHE. Nella riforma ci sono temi fondamentali per la scuola che vengono relegati in un disegno di legge delega: la valutazione dei docenti, il diritto allo studio, la disabilità, persino l’edilizia scolastica. Temi che verranno sottratti dal confronto con il Parlamento e sul quale il governo, ancora una volta, potrà fare il bello e il cattivo tempo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti