Commenta

Dalla Bassa ad Expo:
in sessanta da
Cividale e Spineda

spineda-expo-ev

Nella foto, il gruppo ad Expo

CIVIDALE/SPINEDA – Le comunità dei due paesi confinanti Cividale e Spineda hanno partecipato alla gita ad Expo organizzata dal sindaco della località cremonese Davide Caleffi. Il viaggio in pullman è iniziato alle sette di sabato mattina con rientro poco dopo le 21. La gita, che ha avuto momenti di svago e culturali, ha beneficiato delle brevi considerazioni di don Ernesto Marciò che ha invitato a riflettere sulle problematiche di molti popoli che nel mondo ancora soffrono la fame. Una volta superata la lunga coda ai tornelli d’ingresso con i soliti controlli antiterrorismo, le sessanta persone di Cividale e Spineda si sono distribuite lungo il decumano confondendosi con le migliaia di altri visitatori e imbattendosi nella parata di majorettes e banda musicale organizzata  in occasione della ricorrenza dell’Indipendenza degli Stati Uniti. Una delegazione americana con tanto di scorta ha poi rallentato ulteriormente la visita al padiglione a stelle e strisce. La lunga attesa e la sofferenza per il caldo sono state poi lenite dalla distribuzione gratuita di centinaia di lattine di bevanda ghiacciata e altrettanti sacchetti di chips. Poco prima del tramonto l’appuntamento davanti all’Albero della Vita accanto al padiglione italiano con la famiglia del sindaco Caleffi impegnata per l’appello e la ricerca di qualche “disperso” prima di salire tutti sul pullman per il rientro a casa.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti