Commenta

Le note del Festival
nella capitale
del violino

museo-violino_ev

CASALMAGGIORE/CREMONA – Giovedì 23 luglio alle ore 21 è senza dubbio una delle tappe più attese di tutta la 19esima edizione del Casalmaggiore International Music Festival. Non solo per il repertorio ma anche per la location. È infatti Cremona, la patria del violino e città simbolo della musica classica, a fare da padrona di casa agli artisti del Casalmaggiore International Music Festival. La serata nasce all’Auditorium Giovanni Arvedi del Museo del Violino dalla collaborazione tra il Festival musicale di Casalmaggiore con il Cremona Summer Festival con l’International Academy of Arts e ospiterà  un programma eterogeneo, che passa dalla profondità intellettuale ed espressiva di Bach con la Partita n. 2 (Chaconne), al classicismo di Brahms, fino al virtuosismo del russo Milstein, il violinista più vicino alla perfezione del XX sec.  Ad eseguire la sua composizione più famosa, ovvero Paganiniana, la coreana Sungju Lee, docente della Korean National University of Arts a Seoul.

A interpretare invece il romanticismo del polacco Chopin Andrey Pisarev docente al Conservatorio di Mosca che proporrà al pubblico le note del Concerto n. 1 e del celebre Valzer in do diesis minore. Ma sono le note Doucet il tocco inedito dell’appuntamento cremonese, note che prendono vita grazie alla giovane orchestra da camera Mainzer Virtuosi proveniente dalla Germania ma che raggruppa talenti internazionali dal Canada e dall’Europa. Nata nel 2007 è ormai presenza fissa alla kermesse.

I musicisti dell’ensemble eseguono per il pubblico di Cremona “Chopinata”: un divertente omaggio jazzistico a Chopin composto dal pianista belga Clément Doucet alla fine degli anni Venti. Una scelta musicale inusuale ma spettacolare a conferma di uno degli obiettivi del festival casalasco: avvicinare al mondo della musica classica un pubblico sempre più ampio.

“Siamo molto soddisfatti della rinnovata collaborazione con il Cremona Summer Festival  – afferma Angelo Porzani, Presidente del Casalmaggiore Music Festival – offrire la possibilità ad alcuni tra i tanti giovani di talento che arrivano a Casalmaggiore da ogni parte del mondo di esibirsi in un luogo suggestivo ed unico come l’Auditorium Giovanni Arvedi è una grande occasione di valorizzazione  della cultura del nostro territorio, e di internazionalizzazione, tanto più significativa nell’anno di EXPO. La cultura è tra gli asset portanti del nostro Made in Italy, e il territorio cremonese ha decisamente molti contenuti da mettere in campo”

Nato nel 1996 e organizzato dall’Associazione “Amici del Casalmaggiore International Music Festival”, il Festival di Casalmaggiore è parte integrante di un intenso programma estivo di training unico in Europa, perché focalizzato sull’affinamento delle capacità di esecuzione “dal vivo” dei giovani virtuosi provenienti da tutto il mondo che spesso vantano già al loro attivo importanti riconoscimenti internazionali. A loro è affidato il compito di dar vita a concerti unici e originali attraverso la reinterpretazione di opere di grandi musicisti e l’incrocio di stili e generi musicali diversi.

Il concerto all’Auditorium Giovanni Arvedi è in collaborazione, oltre che con il Cremona Summer Festival, con la Camera di Commercio Cremona, Unioncamere Lombardia, la Regione Lombardia, il Comune di Cremona, il Museo del Violino, il Consorzio Liutai “Antonio Stradivari” Cremona, l’Istituto Musicale Claudio Monteverdi e l’International Academy of Arts, giunta alla sua 25ma edizione, con il direttore Artistico Dirk Verelst, insegnante di violino all’Accademia di Maastricht e al Conservatorio di Antwerp in Belgio.

Dopo Cremona, la rassegna musicale farà  tappa a San Giovanni in Croce (25 luglio) nella cornice di Villa Medici del Vascello dove si terrà un concerto di composizioni tra Settecento e Novecento. Protagonisti della serata Ryan Wang, canadese di origine cinese che a soli 7 anni ha già incantato le platee di tutto il mondo, e che eseguirà un concerto per pianoforte e orchestra di Haydn, Tatiana Samouil, professore al Royal Conservatorio di Antwerp in  Belgio e la pianista giapponese Mari Fujino. Il festival di Casalmaggiore  si conclude domenica 26 luglio alle ore 21.15 con il Concerto di Gala nel cortile di Palazzo Melzi a Casalmaggiore. Il Cremona Summer Festival prosegue invece fino al 13 luglio, alle ore 13, sempre presso l’Auditorium Giovanni Arvedi, con il concerto The Summer of Italy che vedrà protagonisti gli studenti cinesi della Charming School di Pechino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti