Commenta

Bozzolo, è il giorno
del ricordo ebraico
con Beniacar e Tenzer

tenzer-dolce-ebreo_ev

Nella foto Tenzer durante la sua ultima visita a Bozzolo e il tipico dolce ebraico che verrà servito

BOZZOLO – La giornata ebraica di Bozzolo inizierà sabato i mattina alle 9.30 circa, con l’arrivo in piazza Europa di una delegazione composta da una trentina di eredi della famiglia Segrè, guidati dalla figlia del premio Nobel Amelia Tenkel. La delegazione sarà ricevuta in municipio dal Sindaco Giuseppe Torchio, che accoglierà la figlia del celebre fisico ed i componenti del gruppo consegnando una riproduzione in argento della preziosa moneta “Doppia d’Oro” detta “Dei dieci stendardi” battuta nel XVI secolo dalla zecca di Bozzolo – conio del principe Giulio Cesare Gonzaga, ed alcune pubblicazioni della storia del principato di Bozzolo.

Seguirà poi la degustazione di un dolce ebraico predisposto dal Piccolo bar dei Fratelli Medau e la visita al cimitero ebraico, ristrutturato grazie al contributo della famiglia, del Gruppo culturale Per Bozzolo e dell’Amministrazione comunale. A proposito del dolce, spesso la cultura non ha bisogno di tanti pretesti per chi ha voglia di avvicinarsi. Eppure qualche espediente è sempre utile allo scopo di smuovere i pigri e convincere gli indecisi. Il trucco che funziona sempre è quello gastronomico, prendendo per la gola il pubblico che cede sempre al piacere culinario. Così a corollario dell’incontro “Don Primo e i lager” si potrà gustare appunto la novità della cucina ebraica attraverso assaggi. Grazie alle ricerche della studiosa Giovanna Colombo sarà possibile assaggiare la lampada un dolce biscotto molto buono che tra l’altro i gestori del locale hanno già preparato e fatto assaggiare in anteprima al sindaco Giuseppe Torchio. Prima del dolce la signora Colombo porterà una ventata marina con le “sarde in saor”, un piatto caratteristico veneziano, zona lagunare in cui gli ebrei lasciarono incancellabili tracce del loro passaggio.

Tornando al programma, va detto che misure di sicurezza sono state predisposte da parte della Digos per garantire la necessaria protezione nei confronto delle delegazione ebraica che sarà a Bozzolo. Le iniziative continueranno in serata con le testimonianze degli ebrei salvati da don Primo Mazzolari Leone Beniacar e Oskar Tenzer in un incontro pubblico coordinato dal giornalista RAI Luciano Ghelfi e dal professore Fontana, rispettivamente di Rai Due e Rai Storia. La serata sarà rallegrata dal canto di Stella Bassani. Al termine dell’iniziativa degustazione di altre ricette kosher della cucina ebraica.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti