Commenta

Bozzolo, delegazione
Pd in visita
ai profughi

profughi-bozzolo-ev

Nella foto, il sopralluogo

BOZZOLO – Una delegazione del Pd di Bozzolo assieme a tre esponenti della maggioranza consiliare ha fatto visita mercoledì pomeriggio alla villetta di via Giuseppina che ospita i profughi nigeriani, causa indiretta di una crisi politica tale da indurre il vicesindaco Nicola Scognamiglio a rassegnare nei giorni scorsi le dimissioni. Il gruppo era formato dal segretario del circolo locale del Pd Andrea Avanzi, assieme ai componenti il direttivo Bianca Mussini, Fabio Raboni, Giovanna Colombo e Cinzia Nolli che è anche capogruppo Pd in consiglio comunale. Per la Giunta c’erano gli assessori Diletta Pasetti e Sergio Nardi. Per l’associazione San Vincenzo c’era Mario Ziglioli a cui si è aggiunto Stefano Albertini direttore Casa della Cultura a New York. Ad accoglierli il responsabile della Coopertivai Pobic Onlus Gian Carlo Nolli che ha fatto accomodare gli ospiti nella struttura dove si sono intrattenuti circa un’ora organizzando poi con i ragazzi africani una specie di happening con canti suoni di chitarra e applausi scroscianti. All’uscita della delgazione, solo Andrea Avanzi si è fermato per spiegar cosa avevano visto. “A noi è sembrata una struttura più che decorosa. Ci sono letti e bagni per tutti. Gli ospiti sono dieci a cui se ne aggiungono quattro solo il tempo necessario per le lezioni d’italiano tenute da un mediatore culturale”. Sul fatto che vi siano anche minorenni Avanzi non ha avuto modo di appurarlo. Poi il segretario del Pd spiega lo scontro con Scognamiglio accusandolo di aver sbagliato a prendere una posizione drastica contro l’ospitalità verso ragazzi innocui e disposti ad inserirsi nella comunità. “Non è nemmeno vero che siamo stati noi a spingere verso le sue dimissioni. Se leggiamo bene gli scambi di opinione pubblicati su Facebook si scopre che non è cosi come sostiene lui”.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti