Commenta

Scandolara, opere
pubbliche al passo col
programma elettorale

scandolara-ev

Nella foto, il municipio di Scandolara Ravara

SCANDOLARA RAVARA – “Dopo poco più di un anno di attività amministrativa del nostro gruppo l’occasione sembra buona per cercare di riassumere lo stato di lavori e progetti e, perchè no, qualche insegnamento da trarne”: il capogruppo di maggioranza consiliare Alessandro Stercoli parte da qui, impugnando il programma elettorale con cui la lista che ha portato all’elezione a sindaco di Scandolara Ravara di Velleda Rivaroli si è presentata agli elettori per fare il punto su quanto fatto nel corso di un anno amministrativo. “Partiremo dalla scuola – spiega Stercoli – dove il progetto di riqualificazione interna dello stabile adibito a Scuola materna e mensa scolastica sta volgendo alla sua conclusione con gli interventi sulla pavimentazione e l’insonorizzazione”. “A livello di progettualità, due sono gli interventi sui quali stiamo provando ad essere parzialmente finanziati: l’installazione di un ascensore nelle scuola Primaria e la riqualificazione energentica della stessa che prevede sostituzione dell’impianto termico e intervento sui soffitti. Ultimo cenno sulla scuola, oggetto di discussione tra la popolazione è quello sul trasporto gratuito sul quale l’unico commento è quello di far presente che si tratta di requisito previsto dalla legge per quei comuni che abbiano almeno un ordine scolastico soppresso, quindi il nostro comune”.

“In termini di lavori pubblici – prosegue Stercoli -, sempre riferendoci al programma l’elenco delle cose fatte vede: l’ampliamento del depuratore con l’aggiunta di due nuove vasche per il trattamento liquami, la sostituzione delle pompe di sollevamento con l’aggiunta di telegestione dell’impianto, l’asfaltatura di via Marconi a partire dal cimitero fino alla piazza, l’asfaltatura di via Garibaldi sino all’incrocio con via Marconi, la riqualificazione dell’ambulatorio medico di Scandolara, la sostituzione dell’illuminazione pubblica con nuove lampade a led a basso consumo energetico di Castelponzone e per l’intero comune è in via conclusiva il programma di riscatto della rete di illuminazione pubblica”.

“Sempre in questi giorni – precisa Stercoli – è in corso l’ammodernamento e il potenziamento dell’impianto di videosorveglianza che entro poco tempo entrerà in funzione e permetterà una migliore gestione ed una maggiore efficacia di questa risorsa. E’ stata completata la rivisitazione dell’incrocio in via Circonvallazione a Castelponzone con posa di aiuola. A proposito del Borgo citiamo qui l’avvio in aprile dell’importante Infopoint in accordo col Comune di San Giovanni in Croce per un approccio più condiviso e territoriale alla pubblicizzazione turistica e la presenza per una settimana allo stand dei Borghi più belli d’Italia presso Expo di una nostra delegazione (dall’11 al 17 maggio). Delegazione che vale la pena ricordare ha soggiornato per l’intera settimana a carico personale del sindaco (le spese relative al soggiorno sono state interamente sostenute privatamente dal sindaco)”. “Il capitolo rifiuti vede l’attività della commissione ambiente impegnata ad analizzare e valutare diverse possibili soluzioni per una gestione rifiuti sempre più sostenibile e meno vincolata a vederci come soggetto passivo di decisioni semplicistiche e di molto limitata visuale in ambito generazionale”.

“La gestione del verde è risulata essere un argomento su cui diverse sensibilità si sono scontrate in un clima probabilmente di poca infomazione iniziale da parte dell’amministrazione ma anche di poca volontà di comprensione delle motivazioni alla base, di cui quella di riduzione della tariffa è solo uno (e forse non la più importante) dei risultati. Nel valutare questa parte della gestione rifiuti (all’interno di un più complesso discorso globale) l’amministrazione analizzerà quei casi, singoli e provati, di pesante disagio della mancanza di sevizio porta a porta”.

“L’attività è stato molto intensa anche sui Servizi Sociali dove la costituita commissione è stata da subito attiva in diverse attività, per scelta sempre molto mirate ad identificare situazioni di disagio ed intervenire nello specifico. Questo approccio, va detto, si è scontrato in diversi suoi tentativi con il rifiuto di forme di aiuto ( poichè ritenute a resa economica troppo bassa dagli interessati) in palese contrasto con la pretesa condizione di necessità assoluta. In altri casi si è tradotto in forme valide a funzionali di assistenza. Servizi quali SAD, consegna pasti e consegna farmaci, trasporto verso strutture di cura sono rimasti attivi a fronte dei numerosi tagli di finanziamenti subiti. Avviato il progetto Proximus, totalmente finanziato da Fondazione Banca Popoloare Cremona e Coop Umana Avventura , in collaborazione con Concass, che prevede l’impiego e l’impegno di operatori di prossimità che possano monitorare e coordinare situazioni di disagio in modo diretto e più immediato. Da ultimo, ma non certo per importanza, la sfidante e arricchente esperienza coi bambini dello Sahrawi in collaborazione con l’associazione Help for Children. L’attività, il cui unico ma fondamentale investimento è stato quello di tempo e passione dei volontari che si sono resi disponibili, ovvero no costi per il Comune, è stata la prima esperienza per il nostro Comune con questo grado di coinvolgimento e ha avuto un bilancio estremamente positivo a detta degli organizzatori, dei volontari , dei bambini e più in generale di tutti, ad eccezione sembrerebbe, di coloro che pare l’abbiano etichettata come negativa prima del suo inizio e senza averne avuto minimamente a che fare, curioso…”.

“Sul piano delle aggregazioni territoriali, c’è stato un cambiamento rispetto all’allargamento dell’Unione esistente. Nonostante ciò i rapporti con la vicina costituenda Unione sono buoni e partiranno una serie di interazioni sulle singole gestioni associate. Non solo: si sta tentando su alcuni servizi di allargare il numero degli abitanti sulle singole gestioni, per arrivare ad avere un livello di abitanti ben superiori ai 10mila, come peraltro la norma suggerisce”.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti