Commenta

I profughi a messa
Bozzolo sancisce così
la sua accoglienza

bozzolo-profughi-ev

Nella foto alcuni dei ragazzi nigeriani di stanza a Bozzolo

BOZZOLO – Bel momento di accoglienza sociale e religiosa nel contempo domenica mattina in chiesa a Bozzolo. Nella basilica dedicata a San Pietro alla funzione religiosa delle 11 si sono presentati tutti e dieci i ragazzi nigeriani ospiti da una settimana dell’associazione Pobic Onlus e alloggiati nella vicina villetta di via Giuseppina.

Prima dell’inizio della celebrazione eucaristica il parroco don Gianni Macalli vedendo il gruppetto di facce scure è sceso dall’altare avvicinandosi a loro che sedevano in fondo alla chiesa. Compiaciuto di quella inattesa presenza il sacerdote li ha invitati a trasferirsi nei banchi davanti in modo da essere visibili dall’intera comunità bozzolese che riempiva come ogni domenica il tempio e che ha tributato un saluto di benvenuto agli ospiti, al centro loro malgrado di roventi polemiche. Diatribe e tensioni politiche che secondo l’opinione pubblica hanno preso a pretesto la questione profughi solo per svelare ostilità e screzi di altra natura.

Tutti e dieci i migranti sono cristiani e arrivano dalle aree dove opera il gruppo fondamentalista Boko Haram. Al termine della celebrazione, anche il sindaco Giuseppe Torchio ha voluto salutare i ragazzi e, con la collaborazione di Festus, mediatore culturale e membro del Consiglio Parrocchiale, ha chiesto di poterli incontrare nella struttura di via Giuseppina, come anticipato nell’incontro in Prefettura.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti