Commenta

Torchio: “Costretto ad
accettare le dimissioni
di Scognamiglio”

torchio-bozzolo-ev

Nella foto, Giuseppe Torchio, il comune di Bozzolo

BOZZOLO – Il sindaco di Bozzolo Giuseppe Torchio assicura che manca ancora l’atto ufficiale, tuttavia le dimissioni del vicesindaco Nicola Scognamiglio possono considerarsi irreversibili. A dirlo, sono i fatti. “Io ho parlato con lui un paio di volte ma  il documento che certifichi definitivamente le dimissioni ancora non c’è”: spiega il primo cittadino che però aggiunge: “D’altra parte  c’era la minaccia di sei componenti la maggioranza che se ne sarebbero andati se Scognamiglio fosse rimasto”, spiega Torchio ammettendo quindi la decisione di accettare l’abbandono di un colllaboratore valido come l’ex vicesindaco per la situazione del male minore da scegliere.

Stretto tra due fuochi ma soprattutto condizionato da una specie di ricatto politico il sindaco dovrà quindi accettare di perdere in un colpo solo il vicesindaco e l’assessore al Sociale. Dalle fila avversarie intanto arrivano già i giudizi su questa nuova situazione creatasi a Bozzolo, con accuse al sindaco di non essersi saputo sottrarre ai condizionamenti e alle forzature del Pd mantovano. “Se lo dicono loro!”: è la replica piccata di Torchio che tuttavia annuncia l’intenzione di affidare qualche nuova delega a Scognamiglio, rimasto comunque consiliere comunale.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti