Commenta

Acquaroni, notaio
scrittore, presenta il suo
romanzo “De la Tour”

acquaroni-ev

Nella foto, la presentazione del libro in auditorium

CASALMAGGIORE – Ai notai quando non è sufficiente confondere la gente con i codicilli contenuti nei loro atti, non pare vero di mettersi a scrivere romanzi altrettanto complicati e astrusi. E’ quello che ha fatto Mauro Acquaroni giovane e simpatico notaio a Casalmaggiore che sabato pomeriggio ha presentato al pubblico, presente numerosissimo nel salone di Santa Croce di Casalmaggiore, la sua ultima opera letteraria intitolata “De La Tour” il peccato del tennista. Un romanzo da seguire come un film avvincente e incalzante, ha spiegato lo stesso autore muovendosi sul palco come se si trattasse di una rappresentazione teatrale con il sottofondo del clarinetto del maestro Fabio Fava. Una storia che si sviluppa attorno alle confessioni di due diversi personaggi in tempi differenti: il primo, un pittore apprendista che rivela la gelosia e l’invida nei confronti del maestro di cui non è ma riuscito ad ereditarne classe e talento ma di cui riesce ad ammetterne la grandezza. Il secondo personaggio è un giudice appagato professionalmente e sentimentalmente avendo vicino una moglie di cui si è innamorato soprattutto per le fattezze del suo naso. La felicità e la serentà svaniscono un giorno quando nella loro casa improvvisamente entra una banda di delinquenti che arriva a violentare la consorte. Da quel momento nel giudice scatta una sete di vendetta irrefrenabile che lo porta ad assumere atteggiamenti e decisioni inenarrabili. Una sete di vendetta nei confronti dell’intera umanità a cui vuol far pagare le collpe della banda. Un susseguirsi di cattiverie e comportamenti che Mauro Acquaroni non svela lasciando che la curiosità venga soddisfatta attraverso la lettura completa del libro di cui alla fine l’autore regala a tutti i presenti una copia “come strenna natalizia anticipata”.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti