Commenta

Corpo unico Polizia
locale: “Prima l’Unione,
che sarà a breve”

polizia-locale_ev

GUSSOLA – “La scelta di Gussola, Martignana e Torricella del Pizzo di non aderire attualmente al progetto di corpo unico di polizia locale in capo a Foedus è dettata dal fatto che essendo in fase di costituzione l’Unione tra i nostri tre comuni, riteniamo prioritario portare a compimento tale processo ed in seguito perfezionare ed avviare accordi e convenzioni con unioni territorialmente vicine anche su un tema importante come quello della sicurezza al quale le nostre amministrazioni sono particolarmente attente”. Così i sindaci Stefano Belli Franzini (gussolese), Alessandro Gozzi (martignanese) e Emanuel Sacchini (torricellese) fanno luce su una tematica che da settimane fa discutere nel casalasco e non solo.

“Non è mai arrivata da parte di nessuno dei nostri tre Comuni un’adesione ufficiale al progetto – puntualizzano i primi cittadini -. C’è stato un incontro puramente interlocutorio la scorsa estate al quale la stampa dei giorni scorsi ha fatto più volte riferimento, e durante il quale erano emerse riflessioni positive ma anche molti dubbi e criticità. Prima di far circolare una convenzione che dava per certa la costituzione di un corpo unico di polizia locale comprendente anche Gussola, Torricella e Martignana sarebbe stato opportuno convocare ufficialmente tutte le realtà coinvolte per avere l’autorizzazione e l’adesione ufficiale ad inserire i nomi di tutti i comuni interessati: quindi siamo noi ad essere basiti e perplessi.
Le amministrazioni parlano per atti”.

“Ribadiamo comunque la validità del progetto – sottolineano i sindaci – e la disponibilità a future collaborazioni, credendo con forza in quel processo di individuazione dell’ambito ottimale per la gestione delle funzioni e dei servizi. Questo era dovuto per fare un po’ di chiarezza su una situazione creatasi non certo per menefreghismo o scarsa lungimiranza politica delle nostre tre amministrazioni ma per ragioni organizzative che impongono priorità e programmazione”.

Simone Arrighi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti