Commenta

Pomì, c’è Kozuch
ad Ankara a tenere alto
l’onore delle Nazionali

kozuch-pomì_ev

Nella foto Kozuch in maglia rosa (foto Bepi Storti)

CASALMAGGIORE – Ci sarà anche Maggie Kozuch, tra le atlete che nei prossimi giorni si giocheranno la qualificazione alle olimpiadi Rio 2016. L’opposto della Pomì Casalmaggiore è la punta di diamante della nazionale tedesca, in questi giorni impegnata a Schwerin (Germania) in uno stage congiunto di preparazione con la nazionale italiana. Il torneo di qualificazione si svolgerà poi dal 4 al 9 gennaio ad Ankara (Turchia).

Abbiamo raggiunto Maggie al telefono, in una pausa tra gli allenamenti. «Siamo in ritiro – spiega la schiacciatrice – dalla sera del giorno di Natale. Stiamo lavorando duro, tra sessioni in palestra, video e schemi. Il gruppo è piuttosto nuovo; ma ci sono ragazze di talento, siamo concentrate e le sensazioni sono positive». Tra le sedici “farfalle” portate a Schwerin dal coach Felix Koslowski, vi sono anche Brinker (Metalleghe Sanitars Montichiari), Fürst (Eczacibasi Istanbul) e Weiß (Agel Prostejov), avversarie di Kozuch e della Pomì tra campionato e Champions. Ma ora il primo pensiero è naturalmente la Nazionale: «Sono amiche – rivela Maggie – e della Weiß sono compagna di stanza ormai da sette anni».

Nel primo incontro Germania-Italia, disputato a porte chiuse nell’ambito dello stage di preparazione, le bianche si sono imposte 3-2 sulle azzurre (tra cui Anastasia Guerra, tesserata Pomì in prestito al Club Italia). Le nazionali tedesche ed italiane hanno festeggiato assieme il Capodanno, ma già con la testa ad Ankara: sabato 2 gennaio la partenza per la Turchia. Nella pool A, la Germania sfiderà Olanda, Turchia e Croazia. «L’Olanda – nota Kozuch – è una squadra con tanto potenziale, messa bene fisicamente, forse un po’ inesperta. Il coach Guidetti (ex Germania; ndr) ci conosce benissimo, ma anche noi conosciamo lui. La Turchia disputa in casa le qualificazioni olimpiche per la seconda volta di seguito. Avrà il pubblico dalla sua, ma di certo non vogliamo farci intimidire. La Croazia infine è un po’ un’incognita, peraltro da non sottovalutare. Affronteremo le partite un passo alla volta. E chissà, magari potrà sostenerci anche un po’ di tifo dall’Italia e da Casalmaggiore».

Tra pool A e B, saranno otto squadre a contendersi l’unico pass a disposizione per l’Europa: la vincitrice del torneo volerà direttamente a Rio, mentre seconda e terza classificata avranno un’altra chance in un successivo torneo di qualificazione su base mondiale a maggio. L’Italia si giocherà l’accesso alla semifinale di venerdì 8 gennaio con Russia, Belgio e Polonia. Tutte le partite dell’Italia e gli altri migliori incontri saranno trasmessi in diretta tv su RaiSport.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti