Commenta

Caso Zardi, l’8
gennaio la riesumazione
del cadavere di Arianna

zardi-evi-cs

CASALBELLOTTO (CASALMAGGIORE) – Pier Luigi Maria Dell’Osso ha annunciato ha venerdì 8 gennaio verrà riesumato nel cimitero di Casalbellotto dove è sepolto il corpo di Arianna Zardi, trovata morta a 25 anni il 2 ottobre 2001 a Torricella del Pizzo dopo essere scomparsa da casa tre giorni prima.

Il procuratore distrettuale generale di Brescia ha così stabilito la data che potrebbe portare alla svolta nelle indagini del caso che da 14 anni è rimasto senza un colpevole. A lavorare al caso saranno veri e propri big del settore. Il procuratore della Repubblica di Cremona Roberto di Martino aveva infatti nelle scorse settimane nominato quattro consulenti tecnici che dovranno esaminare i resti della povera Arianna: si tratta di Cristina Cattaneo, medico legale presso l’Istituto di medicina legale dell’università di Milano, che già si è occupata del caso di Yara Gambirasio e attualmente del ‘giallo’ di Marcheno, con la scomparsa dell’imprenditore Mario Bozzoli all’interno della sua fonderia, la sera dell’8 ottobre. Come consulenti il procuratore di Martino ha voluto anche Vittorio Fineschi, dell’Istituto di Medicina legale dell’università La Sapienza di Roma, Emanuela Turillazzi, dell’università di Foggia, e Andrea Verzelletti, medico legale a Brescia. Il corpo di Arianna verrà sottoposto ad una Tac per rilevare fratture che potrebbero essere decisive per ricostruire la dinamica dei fatti.

Nelle indagini collaborerà anche la procura minorile di Brescia, nella persona del procuratore Emma Avezzù. Alla procura dei minori c’è già un indagato per omicidio: si chiama Giulio, oggi ha 29 anni, all’epoca era minorenne. Di Arianna Zardi verranno riesaminati anche tutti i vestiti, compresa la borsa sulla quale i Ris di Parma a suo tempo avevano trovato delle piccole macchie, forse tracce di sangue. Ma non sarà semplice: le precedenti analisi, infatti, potrebbero aver già consumato le tracce, senza contare il fattore tempo.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti