3 Commenti

Rivarolo, questione gas: minoranza attacca il sindaco Vezzoni

impianto-gas_ev

RIVAROLO DEL RE – La minoranza consigliare di Rivarolo del Re replica al sindaco Marco Vezzoni che “ha recentemente dichiarato di ringraziare tutti quei rivarolesi veri, semplici e leali che lo appoggiano rispetto alla questione gas”. “Ricordiamo al primo cittadino che anche noi rappresentiamo la parte vera, semplice e leale del paese e soprattutto educata e rispettosa visto che non condivide affatto i toni infamanti e penalmente sanzionabili scritti dal sindaco nel periodico comunale nei confronti di giudici, avvocati e di 2i Rete Gas S.p.A”.

“Inoltre – aggiunge il gruppo di minoranza consigliare -, anche se rappresentiamo un 20% della popolazione rivarolese, riteniamo che questa fetta del nostro elettorato abbia la stessa dignità dell’80% ottenuto dal sindaco alle precedenti elezioni amministrative. In aggiunta, poiché lavoriamo per difendere gli interessi di tutti i cittadini veri, semplici e leali, agiremo perché a pagare il pesante debito siano i diretti responsabili della cattiva gestione del rapporto contrattuale con 2i Rete Gas S.p.a”. “Vorremmo infine ricordare al sindaco che la sua gestione monolitica del paese senza mai tenere conto delle ragioni delle minoranze che si sono succedute, ha portato Rivarolo a questa drammatica situazione: ci teniamo a rammentare a Vezzoni che non fu la minoranza del professor Cirelli a decidere nel 2004 la cacciata del segretario di allora ovvero Carolina Cappelli. Quella che fu una drastica e inspiegabile decisione di allora presa da Vezzoni implicò la mancanza per il nostro Comune di un importante riferimento che vide e trattò con mano la pratica “Gas” e che se presente nel 2006 di certo avrebbe potuto consigliare l’attuale sindaco a valutare meglio la questione”.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • gian sarzi

    L’80% SONO VERI,SEMPLICI E LEALI (NON FAUSTO) COME LE MONETE DA TRE EURO.

    • Lindo

      La cosa piu triste in questa vicenda è, a mio avviso, vedere come in un momento cosi dilecato per il nostro paese, anziche unire le forze per contrastare un imminente attacco all’integritá economica dell’intera comunitá, ci siano alcuni compaesani che facciano del disfattismo gratuito…in un clima di guerriglia politica interna un paese non puo crescere ma puó solo affondare…è giusto che ci sia l’opposizione ma che agisca in modo costruttivo.

  • gian sarzi

    VORREI SOLO SEGNALARE CHE IL PROBLEMA GAS E CONDIVISO CON SABBIONETA PERCHE’ IL SEGRETARIO COMUNALE ERA LO STESSO.ALLORA SI DOVEVA CORRERE VERSO NUOVI ORIZZONTI. VIA CHI RISPETTAVA I LIMITI.