Commenta

San Giovanni, il calendario
dei giovani continua a
spopolare in paese

Il calendario nasce dal concorso fotografico “San Giovanni… in un click” che, promosso nei mesi scorsi dal comune e dalla biblioteca, ha posto l’obiettivo proprio sulle bellezze monumentali.
calendario-2016-san-giovanni_ev
Nella foto la copertina del calendario

SAN GIOVANNI IN CROCE – Natale è passato, ma il tempo per farsi un regalo c’è ancora tutto. Il calendario realizzato dai giovani di San Giovanni in Croce, infatti, merita attenzione perché, promosso alla fine del 2015, continuerà a raccontare per tutto il 2016 il comune casalasco con Villa Medici del Vascello ben in vista, ma anche scorci magari sconosciuti ai più eppure così affascinanti.

Il calendario, come noto, nasce dal concorso fotografico “San Giovanni… in un click” che, promosso nei mesi scorsi dal comune e dalla biblioteca con l’ausilio di alcuni giovani volontari, ha posto l’obiettivo proprio su San Giovanni, sulle sue insolite vedute e sui curiosi dettagli. Il calendario 2016 per il secondo anno consecutivo è stato così composto, dopo la cernita di una giuria di esperti e dei visitatori della mostra realizzata sotto i portici durante la Fiera Settembrina, con gli scatti che sono stati spediti in biblioteca da fotografi professionisti e amatoriali e grazie all’aiuto prezioso anche di aziende ed esercizi commerciali presenti sul territorio comunale.

Il calendario è stato distribuito durante le festività a tutte le famiglie di San Giovanni in Croce, unitamente all’edizione de “Il Paese”, la rivista che racconta la vita del comune casalasco, distribuita nei giorni scorsi dagli organizzatori del concorso, ossia Marco Gazzina, Marco Bazzani, Elisa Bozzetti, Maria Vittoria Maffezzoli, Michela Balestreri e Giangiacomo Maroli, e dalle volontarie del servizio civile presso la biblioteca Ilaria Pini e Eleonora Trinchera. In ogni caso, altre copie di “San Giovanni… in un click” sono tuttora a disposizione e si possono acquistare sempre presso la biblioteca ad un costo di 5 euro.

Giovanni Gardani 

© Riproduzione riservata
Commenti