Commenta

Consulta Volontariato,
far del bene tra teatro
e cene di solidarietà

La Consulta viadanese, avendo partecipato ad un apposito bando allestito dalla Fondazione Cariplo denominato “Banca delle opportunità”, era riuscita ad aggiudicarsi l’attribuzione di un consistente finanziamento.
viadana-piazza-ev

VIADANA – La Consulta del volontariato di Viadana si distingue da tempo per il grande impegno nei confronti del fabbisogno della società specialmente nei riguardi delle fasce più deboli. Innumerevoli le iniziative portate a termine da questo gruppo di encomiabili volontari che quotidianamente si impegnano a raccogliere e distribuire generi di prima necessità per i poveri del territorio.

La Consulta viadanese, avendo partecipato ad un apposito bando allestito dalla Fondazione Cariplo denominato “Banca delle opportunità”, era riuscita ad aggiudicarsi l’attribuzione di un consistente finanziamento che le consente di portare avanti tutte le iniziative necessarie a mantenere l’obiettivo prefissato. Intanto domenica 24 gennaio in collaborazione con l’Oratorio di San Matteo e gli “Amici della Biblioteca” nella frazione di Viadana si terrà lo spettacolo con la Compagnia “Zerobit” dal titolo “Rifacciamo i filòs”. Un evento molto coinvolgente e piacevole che inizierà alle 15,30.

Un altro appuntamento che la Consulta dedica alle persone bisognose è il pranzo della solidarietà organizzato per sottolineare lo stato di disagio in cui numerose famiglie versano dal punto di vista economico al punto da non riuscire nemmeno a procurarsi da mangiare . “Noi della Consulta – spiega la presidente Marilena Flisi – siamo costantemente in contatto con queste situazioni intervenendo in maniera spontanea attraverso i volontari, nessuno dei quali agisce per motivazioni politiche e nemmeno per la tessera di partito che ha in tasca”. Il pranzo si terrà presso il Centro anziani all’interno della Meridiana e l’augurio è che tante facce nuove si aggiungano a coloro che tradizionalmente da anni  aderiscano a questa e altre belle iniziative come questa.

Rosario Pisani

© Riproduzione riservata
Commenti