Commenta

Estelle, da Casalmaggiore
alla bufera
a Washington

La 26enne è da pochi giorni rientrata negli Stati Uniti adesso vive in pieno la bufera che ha sconvolto la costa atlantica del continente a stelle e strisce.
neve-washington-ev
Nella foto, Estelle Yimdo a Washington

CASALMAGGIORE – Sino ad una settimana fa si trovava a Casalmaggiore dove attualmente vive una sorella. Da pochi giorni rientrata negli Stati Uniti adesso vive in pieno la bufera che ha sconvolto la costa atlantica del continente a stelle e strisce ed in particolare New York e Washington città in cui ha la residenza e frequenta un corso universitario di biologia. Estelle Yimdo è una studentessa 26enne di origini camerunesi. E’ arrivata a casa per un pelo evitando la chiusura di tutti gli aereoporti per la tempesta Jonas. Da tre giorni non esce di casa bloccata dalla bufera di neve che ha causato una ventina di morti,innumerevoli feriti e il blocco della circolazione. D’altra parte nessuno può uscire per lo stato di emergenza dichiarato dal governo degli Stati Uniti. Anche la studentessa, come tutti gli altri abitanti dei vari quartieri, si è preoccupata di fare scorta di vivande al supermercato riempiendo il frigorifero dato che la circolazione è bloccata e neppure la metropolitana può viaggiare per la riduzione di energia, mentre le scuole rimarranno chiuse ancora per diversi giorni.

“Nonostante le notizie drammatiche che avrete ricevuto anche in Italia attraverso i telegiornali – spiega Estelle -, ci terrei a tranquillizzare i miei fratelli – un fratello vive e studia a Parma, ndr – dicendo loro che la situazione, al di là dei 60 centimetri di neve caduta, sta rientrando nella normalità. Il servizio di pulizia nei quartieri principali ha funzionato bene e già questo pomeriggio – domenica, ndr – si cominciava a viaggiare sulle strade. Abbiamo sofferto un po’ di freddo avendo subito un drastico calo della temperatura e anche dovuto abbassare i caloriferi per non consumare troppa corrente elettrica così come c’è stato raccomandato”.

Alla fine la studentessa pur avendo patito come tutti notevoli disagi si è messa pure lei alla finestra ad ammirare uno spettacolo meteorologico che nel suo paese d’origine africano non è certo all’ordine del giorno.

Rosario Pisani

© Riproduzione riservata
Commenti