Commenta

La Pomì a Montichiari
per ripartire: le rosa
superano 3-1 la Metalleghe

Precedenti tutti a favore delle rosa, che hanno concesso set alle bresciane solo nella gara-2 dei quarti playoff dell'anno scorso. Montichiari si prende un parziale stavolta, ma Casalmaggiore ottiene i 3 punti che voleva.
montichiari-pomì_ev
Nella foto le squadre prima del via

MONTICHIARI – La partita del PalaGeorge conta molto per entrambe le squadre: il team di Leo Barbieri vuole uno scalpo importante per puntellare la propria piazza playoff, quello di Massimo Barbolini cerca di ripartire dopo il ko contro Conegliano. Precedenti tutti a favore delle rosa, che hanno concesso set alle bresciane solo nella gara-2 dei quarti playoff dell’anno scorso. Le bresciane però arrivano da due successi di fila, dunque sono in buona forma.

Metalleghe Sanitars Montichiari e Pomì Casalmaggiore sono in campo agli ordini degli arbitri Prati e Guarneri con i seguenti sestetti.

Montichiari: Tomsia, Dalia, Brinker, Barcellini, Gioli, Sokolska, Carocci (L). A disposizione: Lualdi, Mingardi Zecchin, Lombardo. All.: Barbieri.

Casalmaggiore: Bacchi, Lloyd, Tirozzi, Stevanovic, Gibbemeyer, Kozuch, Sirressi (L). A disposizione: Piccinini, Cambi, Ferrara, Olivotto, Cecchetto (L). All.: Barbolini.

METALLEGHE MONTICHIARI-POMI’ CASALMAGGIORE 1-3 (14-25, 25-22, 19-25, 21-25)

PRIMO SET – L’inizio è punto a punto poi però la Pomì strappa con una convincente Bacchi e, mettendo pressione, costringe anche Tomsia, una delle bocche da fuoco principali, a sbagliare: il parziale importante delle rosa porta Casalmaggiore sul 14-6 grazie anche al crescente lavoro del muro, mentre sale d’intensità pure la difesa. Sul 15-6 originato da un errore di Brinker, Gioli in fast riesce a spezzare l’egemonia di Casalmaggiore che comunque Bacchi riafferma subito dopo.

Il set insomma sembra ormai essere scappato via, anche perché la Pomì tiene bene sul cambio palla e sporca molte bordate col muro: Kozuch usa sciabola e fioretto dopo un inizio da comprimaria e Casalmaggiore avvicina lo 0-1 sul doppio muro di Stevanovic su Barcellini e Gioli per il 10-20. Dalia piazza qualche idea qua e là, ma la Pomì non fa cadere quasi nulla: dopo avere anche doppiato Montichiari (11-22) la squadra di Barbolini passa a condurre grazie all’erroraccio di Brinker.

SECONDO SET – Stevanovic tocca l’asta su una veloce così così servitale da Lloyd e subito dopo fallisce l’attacco toccando la rete, così il primo strappo è di Montichiari che conduce 7-4. Kozuch prova a spezzare l’incantesimo ma il suo pallonetto finisce fuori di un centimetro. Il turno in battuta di Lloyd ricuce tutto grazie anche a Bacchi e Kozuch prima dell’ace del 10-10. Montichiari però non ha subito il contraccolpo e sul muro di Barcellini su Kozuch allunga a +3 sul 15-12. Il muro di Gibbemeyer torna a farsi sicuro, anche se la Metalleghe continua a galleggiare a +2 con una magia in primo tempo di Sobolska.

Sul 19-18 entra Piccinini, subito in battuta, senza fortuna. Tirozzi commette invasione e siamo 21-18 Montichiari, Casalmaggiore rientra a muro con Kozuch ma Stevanovic disfa tutto con un’alzata horror. Tomsia trova il campo con un attacco rischioso ma che vale due set point. Chiude Gioli a muro sul 25-22 ed è il primo set di Montichiari contro Casalmaggiore su quattro sfide di campionato.

TERZO SET – Un numero di Lloyd prova a sbloccare una Pomì che rimane incollata a Montichiari (ma forse sarebbe meglio dire il contrario). Servono le centrali per provare a prendere ritmo: Gibbemeyer in fast e Stevanovic a muro provano a costruire il primo vero break del parziale, aiutate da Tirozzi che sfrutta la sofferenza locale in ricezione: 8-10. Lloyd castiga una ricezione sfilacciata di Barcellini per il +3 rosa, Tirozzi inventa l’ace del +4, muro di Lloyd su Barcellini e +5, Kozuch non spreca il +6 e per finire Tirozzi corona un turno in battuta devastante con un altro servizio punto, che vale il 10-17.

Il break insomma stavolta è servito per davvero e la Pomì vede così il set. Proteste per il tocco di Lloyd che pareva fuori, ma l’arbitro giudica dentro e dal 14-18 si passa al 13-19 che lascia Casalmaggiore a distanza di sicurezza. Montichiari rosicchia 3 punti su qualche incertezza rosa, poi la fast di Gibbemeyer sistema tutto: 16-21. A chiudere il discorso pensa Tirozzi con il terzo ace del suo parziale: così la Pomì avvicina i tre punti.

QUARTO SET – Subito un grandissimo punto di Tirozzi, che trova il campo dopo sei scambi complessivi in un parziale che inizia così in modo molto vibrante: 2-2. Il muro di Gioli fa viaggiare Montichiari ma Bacchi, che ha chiuso i primi due set con percentuali altissime davanti (73%), riporta a galla Casalmaggiore. Si va avanti punto a punto, come nel terzo parziale del resto: l’arbitro sembra graziare la Pomì quando, su battuta fuori forse non vede un tocco di Tirozzi e Bacchi.

Gran difesa di Bacchi senza muro che Tirozzi fa fruttare per l’11-14 Pomì, che prova, sul turno di Kozuch, a piazzare un nuovo allungo. Sbaglia Gioli contro l’asta (proteste locali anche qui), non Tirozzi in grande serata. Bacchi non sbaglia nulla, Stevanovic pesca la zona di conflitto in battuta e siamo 15-19, Tirozzi alimenta l’allungo e quando Brinker attacca a rete ci sono 6 match point Pomì: chiude al quarto tentativo Tirozzi a muro.

Giovanni Gardani 

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti