Commenta

Il basket del comprensorio
tifa Piadena: sfida a Iseo
per prendersi il primato in C

Una promozione in B costituirebbe un traguardo storico per Piadena. “Nel 2017 compiremo 40 anni - spiega Tonghini - e sarebbe bello festeggiarli con una categoria mai raggiunta prima: però non ci illudiamo".
piadena-iseo-basket_ev
Nella foto le squadre di Piadena e Iseo

PIADENA – Dopo che il comprensorio venerdì sera ha celebrato il derby della Bassa tra Gussola e Casalmaggiore in serie D, con la seconda vittoria su due della Tazio Magni, che così riparte verso il secondo posto, ecco che sabato sera la pallacanestro nostrana si fermerà per tifare la Mg K Vis Piadena di coach Marco Mazzali.

Saliamo di categoria, parliamo di serie C Gold, e saliamo pure in classifica: se infatti il derby Casalasco in D valeva la seconda piazza, ecco che la sfida che il Coronaplatina giocherà a Iseo decide addirittura il primato. “Siamo pronti e proveremo a giocarcela – spiega il ds del team Antonello Tonghini – consci che non sarà una sfida facile e che comunque non deciderà nulla: come noto, nel nostro girone, si giocano i playoff dunque la regular season serve a decretare la griglia per quelle sfide, che decretano la promozione”.

Una promozione in B che costituirebbe un traguardo storico per Piadena. “Nel 2017 compiremo 40 anni – spiega Tonghini – e sarebbe bello festeggiarli con una categoria mai raggiunta prima: però non ci illudiamo. Non pensavamo di valere il secondo posto a inizio stagione con una rosa dove i più anziani sono classe 1991, ma col tempo ci siamo meritati quanto abbiamo guadagnato. La sfida di Iseo può consacrare il nostro cammino in campionato”. Anche perché il match, che si gioca alle ore 21 al palazzetto Antonietti della città lacustre, mette di fronte due squadre che hanno fatto il vuoto: Piadena ha perso solo due volte, Iseo una volta sola. La terza in classifica, Pizzighettone, è 8 punti dietro i Casalaschi: un abisso.

La differenza tra le battistrada, per ora, la fa la partita d’andata. “Vinsero loro da noi – ricorda Tonghini – anche se soltanto per 3 punti, mentre da noi era assente capitan Marenzi, che però a Iseo ci sarà. Per superarli dobbiamo vincere con 4 punti di scarto, per migliorare la differenza canestri. Ci proviamo e speriamo che tutta Piadena ci segua: chi potrà al palazzetto, chi non potrà magari con il pensiero. Sarà una tappa importante e vogliamo uscire a testa altissima”.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti