Commenta

Quattrocase, un parchetto
per il Gruppo Emergenti e
per il nido della frazione

Come più volte è stato evidenziato, la creazione di questo nuovo parchetto è un esempio virtuoso di collaborazione tra la partecipata del comune (Afm), la stessa amministrazione casalese e l’associazione di Quattrocase.
progetto-parco-quattrocase_ev
Nella foto il progetto del parchetto

QUATTROCASE (CASALMAGGIORE) – Nascerà presto una nuova area verde di 900 metri quadrati circa, adiacente rispetto all’asilo nido di Quattrocase e a quest’ultimo collegata. Il progetto è stato presentato venerdì sera nella sala parrocchiale della piccola ma attiva frazione di Casalmaggiore, in un incontro molto partecipato nonostante il brutto tempo e la pioggia. La serata, pensata dal Gruppo Emergenti di Quattrocase, è stata aperta da Arnaldo Zaffanella, membro dell’associazione, che ha introdotto i relatori, ossia per il comune di Casalmaggiore il sindaco Filippo Bongiovanni e il vice Vanni Leoni, per Azienda Farmaceutica Municipale il presidente Marco Ponticelli, oltre al geometra progettista Stefano Busi. Tra il pubblico erano presenti, oltre a molti residenti, il consigliere comunale Pier Francesco Ruberti, il consigliere di Afm Carmen Tesolin e il presidente del Gruppo Emergenti Quattrocase Daniele Vezzoni. Del resto, come più volte è stato evidenziato, la creazione di questo nuovo parchetto è un esempio virtuoso di collaborazione tra la partecipata del comune (Afm), la stessa amministrazione casalese e l’associazione di Quattrocase.

Bongiovanni ha insistito proprio sull’importanza di una partecipata efficiente “che in un momento storico di crisi e di risorse economiche che vengono sempre meno, può permettersi un intervento diretto. E’ un progetto che come amministrazione abbiamo sposato da subito, anche perché premia una delle frazioni da sempre più attive per qualità e quantità delle iniziative, Quattrocase, che merita questa attenzione”.

Ponticelli ha spiegato che “Afm ha raccolto una specifica istanza, arrivata un anno fa, del Gruppo Emergenti, che chiedeva di avere a disposizione un’area non utilizzata dall’asilo per organizzare manifestazioni enogastronomiche e ludico-sociali in primavera ed estate. Prima l’accesso diretto non era garantito perché chiunque avrebbe dovuto attraversare proprio l’area dell’asilo. Questo intervento invece si inserisce in un progetto più ampio che ad agosto 2016, quando cioè i bambini non saranno nella struttura, porterà alla ristrutturazione dell’asilo con il rifacimento dell’impianto antincendio e di rilevazione dei fumi. In questo contesto abbiamo pensato di realizzare il parchetto mediante il riaccatastamento dell’area che è stata scorporata dall’area asilo e viene ora messa su un singolo mappale. Una volta realizzato, il parco sarà dato in comodato d’uso gratuito da Afm al Gruppo Emergenti, che avrà gli oneri di manutenzione, cura del verde e sorveglianza. E’ naturale che un intervento del genere è resto possibile dal buon andamento economico di Afm”.

Nel complesso, infatti, il costo è di circa 50mila euro, comprendendo l’intervento sull’immobile dell’asilo per l’antincendio (25mila euro più iva), le opere murarie (8mila euro più iva) e la creazione del parchetto (8mila euro più iva), interamente a carico di Afm. I dati tecnici sono stati illustrati dal geometra Stefano Busi. “L’area sarà delimitata da una recinzione non invasiva e che si sposerà architettonicamente con la struttura, con base in cemento e rete in ferro. Sono previsti in tutto tre cancelli pedonali: uno consentirà ai bambini di entrare dall’asilo nel parco, per progetti didattici e una forma di integrazione col mondo esterno; uno sarà sul lato chiesa per consentire l’accesso ai residenti di Quattrocase; un altro, infine, sarà riservato ad eventuali mezzi in occasioni di fiere e manifestazioni”.

Vanni Leoni ha applaudito l’iniziativa, spiegando che “il comune affiancherà il progetto nel corso del tempo in base alle reali necessità dell’associazione di Quattrocase, in particolare per l’installazione di tavoli, panchine o giostre per i più piccoli. E’ molto positivo vedere questa collaborazione tra comune, Afm e un gruppo di cittadini che si dà da fare per il bene della frazione”. I lavori per l’asilo partiranno come detto ad agosto, ma il parchetto inizierà a sorgere ed essere sistemato già dopo Pasqua, dunque con l’inizio del mese di aprile, ovviamente sperando in un meteo favorevole. Da risolvere una piccola questione, sollevata dal pubblico, generalmente soddisfatto della novità: i pioppi cipressini che si trovano nell’area dove sorgerà il parco potrebbero infatti essere pericolosi, perché non più così solidi. Si attende la perizia dell’Ufficio Ambiente del comune di Casalmaggiore: se necessario saranno abbattuti e sostituiti da altre piante che possano creare una bella zona d’ombra.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti