Commenta

Rapporti internazionali:
grande interesse per
la relazione di Mario Carotenuto

rotary-ev
Mario Carotenuto e Massimo Mori

PIADENA – Il Rotary si occupa di molti argomenti, abbracciando tantissime tematiche creando forti coinvolgimenti e interessanti riflessioni. Terrorismo, divisioni etniche, fratture culturali e religiose tra le popolazioni ancora non erano entrati nelle periodiche conviviali. A colmare la lacuna ci ha pensato Massimo Mori presidente del Rotary Club Casalmaggiore Viadana Sabbioneta che ha invitato Mario Carotenuto per la serata di lunedì tenutasi al ristorante Saten di Piadena. Un ospite di straordinario livello sia per il ruolo di Ambasciatore del Sovrano Ordine di Malta presso la Repubblica Araba d’Egitto ricoperto per l’esperienza maturata nei settori della geopolitica, intelligence e sicurezza. Con specifiche competenze sulla natura, la strategia i mezzi e gli scenari del terrorismo internazionale. E’ chiaro che con un curriculum del genere non poteva che nascere una serata di grande interesse a cui i soci hanno prestato particolare attenzione ponendo alla fine diverse domande anche se la materia trattata non era propriamente semplice da apprendere.

Ma il relatore ha sviscerato tutte le sue conoscenze essendo uno studioso di storia dei conflitti nel mondo acquisendo esperienza anche sul campo grazie alle varie missioni internazionali nei Balcani e nel Corno d’Africa per conto della Nato e della Nazioni Unite. Se si aggiunge la consulenza dell’Ordinariato per gli Armeni cattolici di Armenia, Georgia, Russia ed Europa orientale nella gestione degli interventi nelle crisi internazionali, la diplomazia umanitaria e la cooperazione internazionale appare evidente la competenza e la completezza con la quale il relatore ha illustrato le tante cause di instabilità all’origine dei problemi nel mondo. Crisi in Russia, Crimea, Ucraina. E poi nelle aree del Mediterraneo con Libia, Siria, Irak, Iran, la rivalità tra Sciiti e sunniti, differenze di gestione politica tra Bush padre e Bush figlio, l’odio etnico sino ad arrivare alla contrapposizione tra sciiti e sunniti. Un complesso coacervo mondiale da cui nascono le tante guerre, la maggior parte ignorate dai mass media e che alla fine sono la causa principale della colossale migrazione dei profughi verso l’Europa. Con l’inserimento dei temuti kamikaze dell’Isis, giustificati dal Corano per il sacrificio di tipo politico e che a detta di molti sarebbe un prodotto americano, sfuggito loro di mano. “Vi siete mai chiesti perché i combattenti dell’Isis non si dirigono mai verso Gerusalemme? Perché l’esercito israeliano li spazzerebbe via in un secondo”: ha concluso lo studioso di conflitti nel mondo contemporaneo. Mario Carotenuto alla fine ha presentato il suo volume “Compendio di Diritto Internazionale Umanitario” i cui proventi sono destinati al lebbrosario di Abu Zaabal in Egitto.

Rosario Pisani

© Riproduzione riservata
Commenti