Commenta

Rugby Viadana, Roma amara:
secondo ko di fila, stavolta
contro le Fiamme Oro

La seconda frazione di gioco vede i gialloneri provare subito a risalire la china e al 42' Brex, all'esordio, va a trovare il varco vincente ed a schiacciare la meta in mezzo ai pali a cui si aggiunge la trasformazione di McKinley (12-7). Ma non basta.
rugby-viadana-foto-conforti_ev
Foto Livia Conforti

ROMA – Seconda sconfitta consecutiva per Viadana che paga un pessimo primo tempo e che nel finale, pur senza successo, prova a mettere le mani sul bonus difensivo.

Inizio molto fisico con i gialloneri che aggrediscono i punti di incontro. La prime due touche sono lanciate da capitan Vicerè,  tallonatore delle Fiamme Oro e nonostante il vento, Cazzola mantiene il possesso. Al minuto 8′ i cremisi vanno in meta con una bella struttura offensiva sviluppata sul fronte d’attacco sinistro e finalizzata da Gasparini (5-0). Al 18′ Fiamme Oro ancora in attacco, ma questa volta la difesa giallonera si organizza e riconquista l’ovale. Primo quarto di gara appannaggio della squadra della Polizia di stato con Viadana che è costretta a difendere e a rincorrere il risultato, possesso e dominio territoriale sono di marca capitolina che fruttano anche la seconda meta per la squadra di coach Eugenio con una trama sulla verticale che vede il break di Gasparini, il riciclo su Valcastelli e la marcatura di Sapuppo. Azzolini questa volta è preciso nella trasformazione (12-0). Al 32′ McKinley prova dalla piazzola, la forza c’è, ma non la precisione. Al 34′ segno di risveglio con Souare che porta una buona offensiva sulla destra ma la difesa locale “scivola” bene e si procede con una touche in attacco che non frutta significative opportunità per mettere in tasca i primi punti. In questa fase Viadana si affida a Caila e Du Pessis come ball carrier mentre nella linea arretrata si palesa frequentemente il doppio regista con il duo McKinley-Keanu Apperley. Nel secondo quarto, Viadana riesce a portare maggiore pressione, ma non a cancellare lo “0” dallo scoreboard e si va negli spogliatoi con le Fiamme Oro avanti di 12 lunghezze.

La seconda frazione di gioco vede i gialloneri provare subito a risalire la china e al 42′ Brex, all’esordio, va a trovare il varco vincente ed a schiacciare la meta in mezzo ai pali a cui si aggiunge la trasformazione di McKinley (12-7). Al 50′ Azzolini si presenta dalla piazzola e coglie 3 punti (15-7) mentre per i gialloneri c’è un doppio cambio in prima linea con Romano e Cafaro che sostituiscono Cavallero e Antonio Denti. Al 59′ Moreschi è colto in fuorigioco e si prende il cartellino giallo pagando alcune precedenti irregolarità di squadra. Azzolini è preciso e porta il risultato sul 18 a 7, punteggio con cui si chiude la sfida.

CASPER STEYN: “È stato davvero un brutto primo tempo, potevamo sfruttare il vento a favore ed invece non abbiamo fatto nemmeno un punto. Il rammarico maggiore è dovuto ai troppi placcaggi falliti ed ai falli concessi dalla mischia. Nel secondo tempo è andata meglio, ma non basta”.

JUAN IGNACIO BREX: “Avevo molta voglia di giocare oggi e confrontarmi con un nuovo rugby. La mia prima meta con Viadana, mi dà soddisfazione ma non allevia la delusione per il risultato della partita”.

Roma, Caserma “S. Gelsomini”, sabato 13 marzo 2016, ore 15.00

Campionato di Eccellenza 2015-2016 – XII giornata

Fiamme Oro Rugby v Rugby Viadana 1970 18-7 (p.t. 12-0)

Marcatori: 8’ m. Gasparini (5-0), 21’ m. Sapuppo tr Azzolini (12-0), 42’ m. Brex tr. McKinley (12-7), 51’ cp Azzolini (15-7), 59’ cp Azzolini (18-7)

Fiamme Oro Rugby: Sapuppo, Sepe, Quartaroli, Valcastelli, Gasparini (41’ Seno), Azzolini (79’ Massaro), Marinaro, Amenta (57’ Marazzi), Callander, Zitelli, Cazzola, Duca, Di Stefano (59’ Ceglie), Vicerè (cap.) (28’ Cerqua) Cocivera (62’ Naka). all.: Eugenio Eugenio

Rugby Viadana 1970: McKinley (cap); Manganiello, Brex, Pavan, Souare; Keanu Apperley, Gregorio (62’ Khyam Apperley); Breet, Du Plessis, Moreschi (70’ Andrea Denti) Gerosa, Caila (68’ Orlandi); Cavallero (50’ Romano), Scalvi, (50’ Antonio Denti). all.: Casper Steyn

Alessandro Soragna 

© Riproduzione riservata
Commenti