Commenta

Tibre, Ministro Infrastrutture
scrive a Bordo "ma la sua
è una pessima risposta"

Nella risposta si afferma che lo studio che sostiene l’alternativa ferroviaria commissionato dalla stessa società Ti-Bre srl, rimane al di fuori del percorso di valutazione del progetto da parte del Ministero.
cantiere-tibre_ev
Nella foto il cantiere Tibre a Trecasali

ROMA – «Una pessima risposta». Commenta così Franco Bordo la risposta ottenuta a fronte dell’interrogazione che il Deputato di Sinistra Italiana aveva rivolto al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti rispetto al progetto di autostrada Tirreno-Brennero. «Il nocivo Ti-Bre autostradale – il cui progetto, obsoleto, risale al 1974 – si aggiungerebbe ai vari fallimenti di previsione che hanno portato alla realizzazione di tratte autostradali assolutamente inutili, scarsamente utilizzate, con ulteriore consumo di suolo agricolo pregiato», spiega Bordo. «Il Ministro, poco dopo il suo insediamento, aveva affermato: “Fermeremo le opere inutili”. Ho chiesto allora se il Governo concordi nel ritenere la proposta ferroviaria, alternativa al Ti-Bre autostradale, la cosiddetta e auspicata “cura del ferro” di cui il Paese avrebbe bisogno».

La risposta è arrivata e per Bordo, come detto, è tutto fuorché soddisfacente: «L’intero collegamento del Ti-Bre riveste particolare importanza per la continuità che lo stesso assicurerebbe, oltre che alla viabilità autostradale esistente, permettendo il raccordo con la A22, anche al sistema di nuova realizzazione dell’autostrada regionale Cispadana», si legge nella risposta ministeriale. Nella risposta si afferma inoltre che lo studio che sostiene l’alternativa ferroviaria commissionato dalla stessa società Ti-Bre srl, rimane al di fuori del percorso di valutazione del progetto da parte del Ministero.

«Basta con gli annunci, e soprattutto basta con le prese in giro agli italiani e agli amministratori locali», ribatte Bordo. «Di fatto, questa risposta abbraccia le autostrade e tralascia l’alternativa ferroviaria. Sarebbe questa la cura del ferro sbandierata da Delrio? Nonostante questa pessima risposta, la nostra iniziativa va avanti con la Risoluzione che sostiene il Ti-Bre ferroviario, da noi presentata in Commissione: a questo punto, è importante che sia il Parlamento a dare un indirizzo al Governo», conclude Bordo.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti