Commenta

Chimica Pomponesco,
i tempi del Via stringono
Associazioni mobilitate

Nel febbraio 2016 la Provincia di Mantova ha dato avvio al procedimento di valutazione di impatto ambientale e secondo le norme vigenti c’è tempo fino all’11 aprile per presentare ulteriori osservazioni.
chimica-pomponesco_ev

POMPONESCO – Gruppi ambientalisti, forze politiche  e singoli cittadini di Pomponesco, Viadana, Dosolo e  dei Comuni limitrofi si stanno attivando per presentare osservazioni per la “V.I.A.” della Chimica Pomponesco SPA relativa al progetto che prevede l’installazione di due nuove linee produttive. che utilizzeranno come solvente una miscela di cicloesano/acetato di etile.

Preoccupati da un possibile ampliamento della Ditta in oggetto, a settembre 2015, sono state presentate alla Provincia di Mantova, titolare del procedimento autorizzativo, osservazioni al progetto e richieste affinché lo stesso fosse sottoposto a “V.I.A.”, Valutazione Impatto Ambientale. Nel febbraio 2016 la Provincia di Mantova ha dato avvio al procedimento di valutazione di impatto ambientale e secondo le norme vigenti c’è tempo fino all’11 aprile per presentare ulteriori osservazioni. “Vogliamo tutelare la nostra salute – scrivono l’associazione e Noi Ambiente Salute di Viadana, il Comitato Intercomunale per la qualità della vita di Dosolo e il Collettivo non violento Uomo Ambiente di Guastalla – dagli inquinanti emessi dalle aziende del pannello truciolare. Siamo allibiti che, invece di procedere nella direzione di una diminuzione delle emissioni, si possa procedere ancora una volta ad un ampliamento non tenendo conto dei risultati dell’Indagine epidemiologica Viadana II che nel 2012 evidenziò una relazione di causalità tra l’esposizione agli inquinanti emessi dalle industrie del pannello truciolare ed effetti sulla salute della popolazione pediatrica che vive in prossimità degli impianti con casi di infiammazioni respiratorie, in percentuali elevatissime, nei bambini residenti nel raggio di 2 km da questi impianti. Siamo preoccupati che i dati del monitoraggio ambientale non siano pubblici. Quali e quante sono oggi e quali e quante saranno le nuove emissioni? La ditta è inserita nell’elenco degli insediamenti classificati a Rischio di Incidente Rilevante, ci sarà un aggravio del rischio? Quale sarà l’impatto acustico post opera? Quali saranno i consumi di acqua? Quale sarà la qualità degli scarichi anche in riferimento alla temperatura degli stessi? Il nuovo solvente sarà stoccato in un serbatoio interrato, che problemi si potranno avere sulla falda?”.

“Per cercare risposte alle tante domande che molti si pongono – proseguono le associazioni – per tutelare la nostra salute, per rendere partecipi i cittadini a quanto sta accadendo sul nostro territorio i gruppi firmatari delle osservazioni alla “V.I.A.” a breve organizzeranno un incontro pubblico a Pomponesco dove verranno invitate le Istituzioni Pubbliche coinvolte nel procedimento di “V.I.A.”, ovvero Provincia di Mantova, ASL Mantova, Arpa Lombardia, Comune di Pomponesco, le Associazioni agricole, e i tecnici e i medici che abbiamo coinvolto nella redazione delle osservazioni. Sollecitiamo i sindaci dei comuni limitrofi a Pomponesco, le associazioni agricole, i sindacati, le associazioni di categoria e i singoli cittadini, titolari di diritti sacrosanti oltre che doveri inderogabili, a farsi sentire, formulando appropriate e motivate osservazioni, nei termini di legge, per poter garantire la massima tutela della salute, la salvaguardia e la sicurezza dell’ambiente, in un territorio già pesantemente compromesso”. Le associazioni lasciano poi tre mail per eventuali contatti e informazioni maggiori: noiambientesalute@libero.itcomitatoqualitavitadosolo@gmail.com e gianfranco@texalsrl.it.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti