Commenta

Il ritorno del mister poeta:
il casalese Gino Galli guida
il Fiorenzuola in serie D

Dopo avere esonerato mister Alberto Mantelli, che ha deluso le attese dato che il Fiorenzuola sperava nei playoff e invece si ritrova con un piede e mezzo dentro i playout, il club ha puntato su Galli, ossia sulla soluzione interna. Una promozione in piena regola.
gino-galli_ev
Nella foto Gino Galli con Bosoni ai tempi della Casalese

FIORENZUOLA – Un cremonese, pardon un casalasco, sulla panchina del Fiorenzuola. Non un mister qualunque, ma un tecnico da sempre apprezzato anche per le doti umane, oltre che per quelle tecniche: Luigi “Gino” Galli ha legato a Casalmaggiore il suo nome, non soltanto perché qui è nato, ma perché da calciatore ha cominciato negli anni del Casalmaggiore, appunto, passando poi anche alla Casalese. Portiere di ruolo, meno “matto”, per così dire, rispetto a tanti altri numeri uno, e più riflessivo. Ma comunque molto attrezzato e preparato.

Dal calcio giocato a quello allenato, sempre con un occhio di riguardo verso i giovani: il mister poeta lo ha ribattezzato qualcuno, per la sua propensione ad essere un letterato, amante della lettura e anche della scrittura. Ora Luigi Galli riassapora a Fiorenzuola il gusto di una prima squadra, di una serie D: l’ultima esperienza, guarda caso alla Casalese, non andò bene, perché il team all’epoca in Eccellenza, non riuscì a ingranare e viaggiava nelle ultime posizioni. Era il 2010. Da lì la decisione del club di esonerarlo, anche se poi Galli si prese una piccola rivincita, pilotando gli Allievi biancocelesti quell’anno dall’ultimo al terzo posto finale. La delusione però fu tanta e infatti il tecnico si prese due anni sabbatici, da mister di strada, come amava definirsi. Galli ha allenato anche a Vescovato, guida della Leoncelli in Promozione, e la serie D la conosce bene, avendola toccata con mano sempre a Fiorenzuola fino al 2004, e poi tra Palazzolo (in un torneo chiuso a 70 punti, col secondo posto) e Castellana. Non solo: per il tecnico classe 1959 all’attivo vi sono pure alcuni anni a difendere i pali della Cremonese e, sempre in grigiorosso, 13 anni consecutivi nel settore giovanile, oltre all’esperienza da mister in seconda della prima squadra dal 1997 al 2001. Infine una prestigiosa collaborazione con il Parma Calcio, negli anni d’oro del club ducale.

Ora per Galli l’occasione del rilancio è capitata con lo storico club piacentino, dove da tre anni Luigi è responsabile del settore giovanile e dell’Accademy del Fiorenzuola, decisamente all’avanguardia con la linea verde, un progetto capace di sposare lo sport e anche il sociale. Vivendo a Monticelli d’Ongina, ripartire dalla provincia piacentina per lui è stato logisticamente più semplice e il club rossonero, dopo avere esonerato mister Alberto Mantelli, che ha deluso le attese dato che il Fiorenzuola sperava nei playoff e invece si ritrova con un piede e mezzo dentro i playout, ha puntato su Galli, ossia sulla soluzione interna. Una promozione in piena regola, meritata per un allenatore che ultimamente non sempre ha raccolto quando meritava. Che sia Fiorenzuola la piazza giusta? Lo sapremo presto: dopo la pausa legata al Torneo di Viareggio, la serie D ricomincia domenica, con i piacentini impegnati in casa contro il Ciliverghe. Poi, domenica 3 aprile, per Galli sarà subito derby: in calendario infatti c’è Pergolettese-Fiorenzuola…

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti