Commenta

Trivelle, rifiuti, sicurezza alla Diotti,
strade e Costituzione: raffica
di mozioni presentate dal Listone

Nella giornata di sabato il consigliere Maurizio Toscani ha depositato i documenti presso gli uffici comunali. Gli argomento sono svariati e affrontano varie problematiche sul suolo comunale casalese.
comune-casalmaggiore_ev

CASALMAGGIORE – Cinque diverse mozioni sono state protocollate dal gruppo di minoranza del Listone di Casalmaggiore in vista del prossimo consiglio comunale. Nella giornata di sabato il consigliere Maurizio Toscani ha depositato i documenti presso gli uffici comunali. Gli argomento sono svariati e affrontano varie problematiche sul suolo comunale casalese. Vediamoli nel dettaglio.

TRIVELLE – La mozione più attuale è quella legata alle trivellazioni. Il documento ripercorre la storia recente su questo tema, partendo dalla richiesta di Pengas Spa di poter trivellare in zona Casalasco-Viadanese e sottolineando il rischio sismico, legato anche al precedente del terremoto del 2012, e quanto sia prezioso il terreno agricolo della Pianura Padana. “Si impegna l’Amministrazione Comunale di Casalmaggiore – spiega il documento in riferimento alla data del 17 aprile – a promuovere con tutti i mezzi l’informazione dei cittadini sul referendum del 17 aprile, a dichiararsi contraria a permessi di ricerca e di estrazione di idrocarburi nel territorio casalasco e a ipotesi di utilizzo del sottosuolo per stoccaggio di gas, e a farsi promotrice di un coordinamento di Comuni che possa portare le istanze del territorio nelle sedi più opportune e in particolare presso Regione Lombardia e Ministero dello Sviluppo Economico”.

ABBANDONO RIFIUTI – “Nelle scorse settimane – spiegano dal Listone – l’attenzione dell’opinione pubblica è stata sollecitata sul problema dell’abbandono dei rifiuti e sulla comparsa nel territorio comunale di minidiscariche. In particolare, si è rilevato come la zona in fregio alla Strada Provinciale Sabbionetana nei pressi dell’incrocio con via Galluzzi sia interessata pesantemente da tale fenomeno, del quale è facile individuare almeno due cause: da una parte, i parcheggi ivi presenti sono occupati abitualmente da camionisti in sosta notturna, di passaggio o  diretti nelle aziende della vicina zona industriale; dall’altra, l’istituzione della raccolta differenziata a domicilio, con il conteggio degli svuotamenti dei bidoni del residuo secco, ha spinto e spinge alcuni cittadini al gesto incivile di gettare i sacchi ovunque: un gesto che, mentre forse consente all’incivile di risparmiare qualche euro l’anno, provoca in realtà danni ben maggiori in termini di insalubrità dell’ambiente, di degrado, e anche di spese generali per la pulizia, che ricadono poi sulle tasche di tutti.

Inoltre la zona è posta all’ingresso di Casalmaggiore, e non rappresenta certo un buon biglietto da visita per i viaggiatori in transito. Al fine di ripristinare e mantenere il decoro e la pulizia dell’intera area, impegniamo l’Amministrazione ad effettuare alcune semplici operazioni: istituire un’area espressamente dedicata alla sosta notturna dei mezzi pesanti, vietandola rigorosamente nelle altre; dotare tale zona di bagni chimici ed eventualmente di tavoli fissi e panche; richiedere a Casalasca Servizi di dotare tale zona anche di cassonetti per la raccolta rifiuti; sensibilizzare le aziende, che con gli autotrasportatori hanno rapporti diretti, per informare riguardo alle zone di sosta e ai servizi offerti; prevedere sopralluoghi da parte della Polizia Locale per verificare il rispetto delle regole; utilizzare le Gev perché in base ai dati sugli svuotamenti, in possesso di Casalasca Servizi, si possano scoprire e sanzionare i cittadini che dell’abbandono dei rifiuti hanno fatto una abitudine; ciò per evitare che i cassonetti diventino la discarica a disposizione di tutti”.

SICUREZZA SCUOLA DIOTTI – “La zona davanti all’I.C. Diotti – come spiega il documento – presenta numerosi problemi dal punto di vista viabilistico, tanto da richiedere la presenza di agenti di Polizia Locale e/o la chiusura al traffico temporanea durante l’orario di ingresso e di uscita degli studenti. La realizzazione di una barriera appena dentro l’ingresso dell’Istituto aveva e ha lo scopo di impedire agli studenti stessi di scorrazzare negli spazi scolastici in orari in cui la sorveglianza non è garantita. Tuttavia ha creato un altro problema di pericolosità ancor più stringente; si rileva infatti che al mattino, all’incirca tra le 7.30 e le 7.50, prima dell’ingresso nelle aule, lo spazio riservato ai ragazzi sia totalmente insufficiente, così che decine e decine di studenti attendono sulla strada creando una situazione di estremo pericolo, dovuto anche al traffico molto intenso presente a quell’ora”. Da qui la richiesta all’Assessore alle Politiche sull’Istruzione ad affrontare il problema, “studiando insieme alla dirigenza dell’istituto nonché alla Polizia Locale una soluzione che possa evitare il pericolo costante a cui sono sottoposti gli studenti, prima che possa succedere l’irreparabile”.

INDICAZIONI STRADALI – “Da più automobilisti – recita la mozione – è stato segnalato che all’uscita dall’autostrada A1 di Parma mancano totalmente le indicazioni per raggiungere Casalmaggiore. In effetti, su tutto lo svincolo tra la ex SS343, Viale delle Esposizioni e via San Leonardo ci sono cartelli indicatori per Mantova e Colorno, ma non per Casalmaggiore. Al fine di facilitare chi, proveniendo da fuori e non pratico della zona, debba raggiungere la nostra città, chiediamo all’Amministrazione Comunale e in particolare all’Assessore ai Lavori Pubblici di attivarsi presso la Provincia e il Comune di Parma, competenti per le strade in questione, affinchè possa essere posizionato qualche cartello indicatore per Casalmaggiore sui pali già esistenti.

COSTITUZIONE AI NEO DICIOTTENNI – L’ultima mozione riguarda la richiesta di consegnare la Costituzione ai neo diciottenni, come già avviene in diversi comuni. “Considerando la genesi tragica e travagliata della Repubblica in cui viviamo – si legge – crediamo sia compito indispensabile e irrinunciabile da parte di chi ha responsabilità politiche e civili di qualunque tipo trasmettere alle nuove generazioni il patrimonio di valori, prinicìpi e regole che i Padri Costituenti hanno racchiuso nella Carta Costituzionale. Per questo chiediamo che il Comune di Casalmaggiore si impegni ogni anno a regalare a tutti i neo maggiorenni una copia della Costituzione. Tale consegna, dall’alto valore simbolico e pratico, potrebbe avvenire con una cerimonia apposita da tenersi il 2 giugno, Festa della Repubblica, secondo modalità da definire”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti