Commenta

Figlio autistico, madre in difficoltà:
sospeso il servizio
di accompagnamento a scuola

Le condizioni del giovane, di Viadana, non gli consentono di andare a scuola da solo essendo già stato vittima di pesanti scherzi da parte di coetanei.
viadana-piazza-ev
Viadana

VIADANA – Il bullismo costituisce un problema che affligge tante famiglie di giovani in balia dell’arroganza e dei soprusi da parte di ragazzi spesso coetanei. L’imbarazzo e il fastidio per simili situazioni cresce quando a trovarsi al centro di tali comportamenti è qualcuno che già soffre di problemi psicofisici. E’ quanto denuncia una madre di Viadana, che chiede di restare nell’anonimato, la quale lamenta di aver perso il sostegno per uno dei suoi tre figli affetto da autismo causato dalla sindrome di Asperger. Il giovane, dopo un brillantissimo percorso alle scuole medie, ha cominciato a frequentare il Liceo di Parma dove pure riesce a ottenere ottimi risultati. Il problema però è che le sue condizioni non gli consentono di andare a scuola da solo essendo già stato vittima di pesanti scherzi da parte di coetanei che approfittano della sua situazione.

”Sino a qualche tempo fa era stato attivato per lui un programma di accompagnamento con un operatrice che lo veniva a prendere scortandolo sul pulman sino a Parma. All’improvviso il servizio è stato sospeso senza alcun preavviso”: sottolinea la donna di origini straniere che ha altri due figli a carico. L’assistenza sino a pochi giorni fa esplicata, a cura del Servizio Tutela Minori del Comune di Viadana, prevedeva un impegno di 10 ore settimanali per un determinato numero di settimane avvalendosi di un fondo nazionale per la non autosufficienza. Un progetto che purtroppo è terminato il 1 marzo scorso e che si spera di riprendere appena i finanziamenti ritorneranno ad essere disponibili, così come assicurano i servizi sociali comunali che hanno altri delicatissimi tipi di patologie minorile da seguire.

Per la mamma non si tratta di pretendere sussidi ma di restituire una dignitosa assistenza al figlio sedicenne magari dando alla sua famiglia la possibilità di usufruire di una casa più spaziosa per tre figli in fase di crescita.

Rosario Pisani

© Riproduzione riservata
Commenti