Commenta

Montesano nuova stella
dell'Eridanea: a Piediluco bronzo
in singolo e argento con Rossi

“So di essere soltanto al punto di partenza, ma questi successi ottenuti lo scorso weekend mi rincuorano davvero perché ho capito di essere sulla strada giusta - spiega Alessandra - . E’ un premio che mi ripaga del lavoro dell’ultimo anno e che mi stimola a guardare avanti”.
montesano-rossi_ev
Nella foto il doppio Montesano-Rossi

CASALMAGGIORE – La prima medaglia non si scorda mai. Figuriamoci poi se nel weekend gli allori sono addirittura due. Bronzo il sabato, in singolo, argento la domenica, in doppio, su una barca che ha trovato subito la giusta chimica. Sempre, ovviamente, sulla distanza olimpica da 2 chilometri. Alessandra Montesano, 17 anni e categoria Junior, ha festeggiato una doppia prova di livello assoluto e oggi, sotto lo sguardo di Gianluca Farina, allenatore e oro olimpico a Seoul 1988, rappresenta una bella promessa per la Canottieri Eridanea di Casalmaggiore.

“So di essere soltanto al punto di partenza, ma questi successi ottenuti lo scorso weekend mi rincuorano davvero perché ho capito di essere sulla strada giusta – spiega Alessandra – . E’ un premio che mi ripaga del lavoro molto intenso dell’ultimo anno e che, assieme, mi stimola a guardare avanti”. A Piediluco Alessandra ha sbaragliato buona parte della concorrenza migliorando il quinto posto di due anni, sempre in un meeting nazionale a Ravenna, e ottenendo una medaglia di bronzo che in realtà vale anche più dell’oro regionale conquistato nel 2013 con Cristina Ferrarini.

Provata poi sull’imbarcazione con Alice Rossi della Canottieri Flora, con la quale già aveva effettuato raduni invernali sotto lo sguardo attendo di Claudio Romagnoli, responsabile tecnico della federazione per quanto concerne il canottaggio rosa, ha stupito ancora. “Con Alessandra ci siamo trovate subito alla prima uscita ed è stata una fortuna – spiega la cremonese Alice – e sappiamo tutti questo è il punto di partenza per qualcosa di prestigioso. Sogniamo la maglia azzurra, la sentiamo più vicina, inutile nasconderlo e questo è di grande stimolo. Ma non ci verrà regalato nulla, dobbiamo sudare e metterci dietro un altro doppio federale”. Proprio così: l’argento non basta più e il prossimo impegno, il Memorial D’Aloja, previsto tra due weekend sempre a Piediluco con il meglio del canottaggio giovanile e senior nostrano in acqua, servirà a dimostrare che per questa coppia non vi sono barriere.

A Montesano e Rossi oggi serve un piccolo sforzo (come Alice ha detto, un altro doppio federale va messo alle spalle) ma, osservando i progressi, l’azzurro appare sempre più vicino e, con questo spirito, come evidenzia coach Gianluca Farina, è un traguardo decisamente possibile. “Parlo per Alessandra, che alleno tutti i giorni: si sta comportando molto bene – spiega Gianluca, tecnico dell’Eridanea – e sta centrando l’obiettivo di inizio stagione, che era migliorarsi e magari strappare qualche alloro pesante. Il suo salto di qualità è stato notevole. Sappiamo che dobbiamo lavorare ancora, ma questo aspetto non spaventa né il sottoscritto né tantomeno Alessandra, che ha la testa giusta”.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti