Commenta

I negozi nell'era di internet:
incontro giovedì sera
in biblioteca Mortara

“Innovazione - scontinua la presidente Ghisolfi - significa utilizzare le tecnologie digitali nel punto vendita per migliorare l’esperienza di acquisto del cliente e integrare le attività online con quelle in negozio".
piazza-casalmaggiore-ev

CASALMAGGIORE – Alla gestione di un negozio (tradizionale) nell’era di Internet è dedicato l’incontro –  promosso da Confcommercio in collaborazione con la Amministrazione comunale –  in programma, giovedì 31 marzo, alle 21, a Casalmaggiore, nella Sala riunioni della biblioteca “Mortara” (in via Marconi, 8). Come relatrice interviene Deborah Ghisolfi, presidente del gruppo It di Confcommercio Cremona . Partecipano Andrea Badioni, referente per il casalasco di Confcommercio insieme a Giulio Adami.

“E’ evidente che i nuovi media e la tecnologia hanno cambiato profondamente le abitudini di acquisto. – conferma proprio Giulio Adami – Considerando la crescente diffusione di internet, soprattutto in mobilità, è evidente che occorre interrogarsi sulla via per tradurre questi nuovi strumenti in una occasione di crescita anche per i negozi tradizionali. Per questo abbiamo voluto organizzare, a Casalmaggiore, un momento formativo dedicato a tutti gli imprenditori del distretto”. “Siamo convinti –  conferma Deborah Ghisolfi, che un negozio indipendente può comunque giocare la partita e ritagliarsi un suo spazio, in certi casi di enorme successo –  anche nell’era di Internet”.

“Innovazione  – scontinua la presidente Ghisolfi – significa utilizzare le tecnologie digitali nel punto vendita per migliorare l’esperienza di acquisto del cliente, integrare le attività online con quelle in negozio, ma soprattutto puntare con forza sugli aspetti che distinguono un negozio fisico rispetto ai suoi nuovi concorrenti online, ovvero rapporto personale col cliente, competenza, servizio e “presenza” sul territorio”. “E’ l’imprenditore che innova  –  continua – ed è protagonista attivo quando decide di cavalcare anche questa onda. Abbiamo promosso questo incontro per poter offrire adeguato supporto a tutte le attività del territorio che vogliono lanciarsi nella sfida di coniugare una dimensione locale con una più globale”. “E’ un appuntamento – conferma Andrea Badioni – dedicato ai tanti commercianti che ogni giorno “alzano la saracinesca” in un contesto sempre più competitivo, e ai giovani che vogliono cimentarsi in questa professione.

Pur rimarcando la centralità e l’importanza dei negozi tradizionali questo incontro vuole offrire alcuni spunti alle imprese per inserirsi intelligentemente nei veloci mutamenti in atto senza esserne travolte, anche imparando ad utilizzare le nuove tecnologie e le loro regole ma, soprattutto, sfruttando e potenziando alcune caratteristiche distintive che nessun player online potrà mai copiare, perché un negozio è lì, sulla strada, gestito da persone in carne ed ossa che vivono nella stessa comunità, sullo stesso territorio del cliente”. “Vogliamo offrire agli associati strumenti moderni ed efficaci per gestire un’impresa nel contesto sociale ed economico che siamo chiamati a vivere. – spiega Paolo Regina – Alle aziende del terziario, oggi sono richieste competenze manageriali, di marketing, di pianificazione, di gestione del personale e dei meccanismi di funzionamento e di redditività del business. Come Associazione dobbiamo accompagnare le imprese in questa stagione di cambiamento. Affrontare il futuro significa innovarci e rispondere con nuovi strumenti a modelli sociali e di consumo ormai affermati in maniera irreversibile”.

“L’innovazione –  conclude il segretario generale di Confcommercio Cremona –  insieme alla globalizzazione, cambia profondamente il nostro essere cittadini ed imprenditori. Sfida le aziende, a partire da quelle del terziario di mercato, a ripensarsi, a ricostruire identità e business. Insomma, ad essere protagoniste di questa stagione nella quale anche i territori diventano “simbolici”, si aggregano per reti, superano “naturalmente” i confini (anche amministrativi), mischiando il mercato interno con quello globale. Questo incontro vuole aiutare le imprese ad essere ancora più consapevoli e a vivere l’innovazione come una opportunità per crescere”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti