Commenta

Saltano la scuola e
vanno a far danni al PalaFarina:
nei guai tre minorenni

La Polizia locale di Viadana coglie in flagranza tre piccoli vandali in azione al palazzetto di via Vanoni.
palafarina-ev
L'interno del PalaFarina

VIADANA – Poca intenzione di andare a scuola e molta voglia di fare dei danni e di mettersi nei guai. Tre minorenni di Viadana, due giorni fa, si sono introdotti nel palazzetto dello sport di via Vanoni che come noto è interdetto per le sue condizioni di pericolosità dopo il crollo dei febbraio 2015. Conoscendone le condizioni è impensabole che i tre ragazzini volesseo trascorrervi la mattinata per compiervi esercizi ginnici. Ma l’attento servizio di controllo da parte della Polizia locale, come ha tenuto a sottolineare l’assessore alla Sicurezza Romano Bellini, ha mandato all’aria i piani del grupetto beccato in flagranza. E’ successo giovedì mattina quando una pattuglia si è avvicinata al PalaFarina di via Vanoni per verificare le notizie riguardanti atti di vandalismo nei confronti dell’edificio già malridotto.

Avvicinatisi alla struttura i Vigili urbani hanno verificato la regolare sussistenza dei sigilli e delle catene a suo tempo apposti lungo tutto il perimetro allo scopo di impedire l’accesso a chiunque proprio in ragione della pericolosità strutturale. Osservando con attenzione ad un certo punto si è potuto constatare l’esistenza di un piccolo pertugio attraverso il quale però una persona adulta non avrebbe mai potuto passare. I due agenti allora hanno atteso pazientemente sino a quando dalla minuscola fessura ad uno ad uno sono cominciati ad uscire tre ragazzini che per noia o che altro avevano deciso di marinare la scuola per andare a creare danni e vandalismi in un ambiente che non ha certo bisogno di altre azioni per dimostrare le condizioni e lo sfacelo in cui versa.

I tre ragazzini sono stati portati presso Comando della Polizia locale dove sono stati convocati i genitori a cui è stato notificato il verbale di segnalazione al Tribunale dei minorenni.

Rosario Pisani

© Riproduzione riservata
Commenti