Commenta

Scrutatori, Premio Viadana
e 25 aprile: Pd attacca
amministrazione comunale

Due accessi agli atti presentate dalla minoranza di centrosinistra. E Federici "invita" il Comune ad essere più presente nelle celebrazioni della Festa della Liberazione.
piazza-manzoni-viadana_ev
Il centro di Viadana
VIADANA – Due accessi agli atti presentate al Comune di Viadana dalla minoranza di centrosinistra. “La prima riguarda l’elenco degli scrutatori e le modalità di scelta – spiega il capogruppo Nicola Federici -. In passato una persona della maggioranza era rappresentata nella commissione elettorale ma con le dimissioni di Roberto De Martino oggi non è più così. Come tutta l’opposizione abbiamo chiesto di rifare le votazioni”. “Visto che in passato c’è sempre stato l’accordo di lasciare un posto per seggio di scrutatori all’opposizione – aggiunge Federici – e che nessuno ha chiesto al Partito Democratico se avessimo persone disponibili, chiediamo cosa è stato fatto, anche perché come il Movimento 5 Stelle siamo dell’idea di dare spazio alle persone senza lavoro come avevamo già richiesto alla commissaria prefettizia nel 2015”. La seconda richiesta di accesso agli atti è “per avere copia dell’atto con cui giunta o sindaco o assessore hanno nominato la commissione per il premio Viadana, perché dagli atti ufficiali sul sito non la ritroviamo. Troviamo solamente l’ultima delibera di giunta che va a modificare la prima bozza di regolamento ma non esiste nessun atto di come sia stato nominato il presidente e la commissione. Questo non per dare contro alla commissione anzi anche in questo caso è la continuità del passato a testimonianza del buon lavoro che è stato fatto, ma perché comunque manca la formalità degli atti”. “Come ultima nota – conclude Federici – chiediamo per il 2017 una presenza maggiore da parte della maggioranza ad una manifestazione importante come quella del 25 aprile. Era presente il sindaco e un assessore durante il corteo poi più nessuno. Se si vuole governare la nostra città è importante essere presenti in giornate come il 25 aprile che sono le basi della nostra democrazia”.

© Riproduzione riservata
Commenti