Commenta

Pomì, porte girevoli: Barbolini
tentato dall'Eczacibasi
In rosa arriverà Caprara?

Il tecnico di Medicina (Bologna) ha il profilo giusto per le scelte della dirigenza rosa: viene da una stagione no, come i suoi predecessori sulla panchina della Pomì prima di lui e dunque può rilanciarsi in questa piazza piccola, ma ambiziosa e vincente.
caprara-barbolini_ev
Nella foto Caprara e Barbolini

CASALMAGGIORE – La voce rimbalzata con insistenza da Istanbul sembra prendere sempre più piede e consistenza. E’ clamorosa e per certi versi spiazzante, perché lo stesso Massimo Barbolini, durante l’ultima cena societaria, era stato di fatto riconfermato in toto dalla Pomì Casalmaggiore, anche alla luce di un contratto biennale, firmato a giugno 2015.

E’ chiaro che al momento siamo ancora nel mondo delle ipotetiche e dei condizionali, ma pare proprio che Barbolini sia pronto ad accettare l’offerta (economicamente più vantaggiosa) dell’Eczacibasi Istanbul che, dopo una stagione nella quale non ha vinto nulla, cerca il rilancio sia in patria che in Europa. Vanno pagate clausole per lo svincolo da Casalmaggiore, ma la moneta sonante non è mai stata un problema per il club turco. E così la Pomì potrebbe ritrovarsi (condizionale d’obbligo, sia chiaro) con il quarto allenatore diverso alla sua quarta stagione in A1.

Già, ma dopo Beltrami, Mazzanti e Barbolini, a chi toccherebbe? Prende corpo l’ipotesi di uno scambio proprio con lo stesso club di Istanbul che vorrebbe Barbolini alla sua corte: e così a Casalmaggiore potrebbe toccare a Gianni Caprara. Il tecnico di Medicina (Bologna) ha il profilo giusto per le scelte della dirigenza rosa: viene da una stagione no, come i suoi predecessori sulla panchina della Pomì e dunque può rilanciarsi in questa piazza piccola, ma ambiziosa e vincente. Caprara, peraltro, vanta un curriculum di tutto rispetto: ha vinto 4 Scudetti, 3 Coppe Italia, 5 Supercoppe Italiane, 1 Mondiale per Club, 1 Coppa Cev e soprattutto 4 Champions League. La società nicchia, lasciando intendere che il contratto con Barbolini andrebbe comunque onorato, ma che la scelta di cambiare sarebbe del coach e non certo del club, per il quale il tecnico modenese era confermatissimo.

Ripetiamolo: siamo ancora ai “forse” e alle ipotesi, ma qualcosa a Casalmaggiore pare potersi muovere con forza, in grado di spostare le certezze ormai assodate dopo il finale di stagione, che volevano Barbolini ancorato alla Baslenga. E’ una porta girevole, quella necessaria per uno scambio di coppia vero e proprio? Tra qualche ora ne sapremo di più. Intanto sul mercato Francesca Piccinini e Carlotta Cambi passano a Novara e sono questi i primi nomi in uscita ufficiali. Jovana Stevanovic dovrebbe rimanere, nonostante un’offerta pazzesca sempre da Istanbul, sponda Eczacibasi, ovviamente: anche qui, però, resta da capire se la scelta di Barbolini potrà fare cambiare idea alla centrale serba, che ancora deve parlare con la società rosa.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti