Commenta

Tre nuovi Aussies dal nostro
comprensorio: giorno speciale
per Simone, Alice e Luca

La cerimonia si è svolta al Malvern Town Hall di Melbourne, con tanto di banda musicale, la presenza di un ministro del governo australiano, il sindaco della città australiana e un rappresentante della comunità aborigena.
roveri-tortorici-rossi_ev
Nella foto Roveri, Tortorici e Rossi

MELBOURNE – Mercoledì è stato un giorno decisamente particolare per tre ragazzi del comprensorio Oglio Po che sette anni fa hanno fatto i bagagli, cercando di trovare uno sbocco lavorativo e con il coraggio di cambiare completamente vita. Quando si parte per l’Australia, come hanno fatto Simone Tortorici di Casalmaggiore, Alice Rossi di Viadana e Luca Roveri di Vicobellignano, solitamente si rimane per sei mesi, mediante un visto, regalandosi una lunga vacanza che si ripaga con lavori stagionali. Tutto diverso per Simone, Alice e Luca che in Australia vivono ormai da sette lunghi anni. Simone e Alice sono partiti nell’agosto 2009, Luca qualche mese dopo.

Ecco perché per loro giovedì è stato un giorno davvero significativo: i tre infatti, assieme a tanti altri immigrati in Australia che hanno ottenuto questo riconoscimento (quaranta le nazioni rappresentate), hanno potuto festeggiare la cittadinanza. Tre “Aussies” (termine che indica i cittadini australiani) in più provenienti dal casalasco-viadanese. La cerimonia si è svolta al Malvern Town Hall di Melbourne, con tanto di banda musicale, la presenza di un ministro del governo australiano, il sindaco della città australiana e un rappresentante della comunità aborigena.

Per inciso, ottenere la cittadinanza australiana è un processo per nulla scontato: prima infatti serve la residenza, che rappresenta il passo più difficile. Serve una Sponsorship, solitamente ottenuta dal datore di lavoro che fa da garante; oppure lo Skill Visa, un visto a punteggio che si può ottenere in questo caso anche dall’estero misurando livello di inglese, competenze professionali e studi; oppure la De Facto Visa, che riconosce le coppie di fatto (con un componente australiano) alle quali concedere la residenza dopo un tot di anni su territorio australiano.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti