Commenta

I Madonnari di Rivarolo
Mantovano all'udienza dal
Papa: in dono la loro arte

Al termine dell’udienza, i madonnari doneranno personalmente a Papa Francesco una icona, dal titolo Madre di Dio dipinta, secondo i riti e le tecniche antiche, su tavola impreziosita dal fondo in oro zecchino. Sulla icona sono rappresentati anche S. Benedetto con Papa Benedetto XVI e S. Francesco con Papa Francesco.
madonnari-rodomonte_ev

RIVAROLO MANTOVANO – L’Associazione Madonnari “Rodomonte Gonzaga” di Rivarolo Mantovano, invitata dalla Fondazione Migrantes di Roma, partecipa all’udienza del 16 giugno 2016, concessa da Papa Francesco, alla Gente dello Spettacolo viaggiante e popolare. La Fondazione Migrantes, creata dalla CEI, assicura l’assistenza religiosa ai migranti italiani e stranieri e a tutti quanti hanno una occupazione itinerante. Il raduno è stato organizzato nell’anno giubilare della Misericordia per espressa volontà del Pontefice che desidera incontrare il popolo del lavoro itinerante nelle variegate attività.

Da diversi mesi vi sono contatti tra il presidente Marco Soana e la direzione dell’Associazione Migrantes, diretta da monsignor Giancarlo Perego, per organizzare la partecipazione degli artisti dell’Associazione rivarolese. Le opere che i madonnari porteranno a Roma, da esporre nella Sala Paolo VI, sono due pale d’altare (200×140 cm.) e sei tavole (di circa 100×80 cm.), tutte dipinte a gessetto. Tutte queste opere rimarranno a Roma a disposizione degli organizzatori.

Al termine dell’udienza, i madonnari doneranno personalmente a Papa Francesco una icona, dal titolo Madre di Dio dipinta, secondo i riti e le tecniche antiche, su tavola impreziosita dal fondo in oro zecchino. Sulla icona sono rappresentati anche S. Benedetto con Papa Benedetto XVI e S. Francesco con Papa Francesco.

L’Associazione Madonnari “Rodomonte Gonzaga” è germogliata in seno alla Fondazione Sanguanini Rivarolo Onlus nel 2007 e dal 2012 si è costituita in associazione. E’ composta da madonnari provenienti dai borghi del feudo gonzaghesco dell’Oltre Oglio, ben illustrato nella famosa e indimenticabile mostra allestita a Rivarolo Mantovano nel 2008 “I Gonzaga delle nebbie”, e da artisti provenienti da alcuni paesi limitrofi del cremonese. L’Associazione prende il nome da Luigi Gonzaga detto Rodomonte, Capitano Imperiale e poeta e padre di Vespasiano Gonzaga, che fu Signore di Rivarolo dal 1528 al 1532, anno della sua prematura morte.

Il gruppo dei madonnari del laboratorio rivarolese, attivo in Italia e all’estero,  partecipa ad eventi artistici e concorsi madonnari ottenendo eccellenti riconoscimenti. I madonnari vivono questa passione con grande spirito di amicizia e spesso partecipano ad eventi di solidarietà. Gli enti istituzionali del paese e molti privati hanno manifestato un grande interesse per il lavoro dei madonnari sostenendoli moralmente ed economicamente in  questa importante partecipazione al Giubileo della Misericordia. Le opere, prima della partenza per Roma, saranno messe in mostra presso la Fondazione Sanguanini domenica 5 e lunedì 6 giugno. Domenica 12, presso la chiesa di S. Maria Annunciata di Rivarolo Mantovano, alla S. Messa delle ore 10.30, sarà benedetta l’icona da donare a Papa Francesco.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti