Commenta

"Uniti si vince":
il segretario Prc di Piadena,
Andrea Volpi, commenta il successo

Dopo la ri-elezione in consiglio comunale: "Unirsi al Pd decisione premiante".
cantoni-cavazzini-volpi-ev
Da sinistra_ Cantoni, Cavazzini e Volpi
PIADENA – “Uniti si vince”: così Andrea Volpisegretario PRC circolo di Piadena, commenta il risultato vincente per Ivana Cavazzini e la propria lista nelle elezioni amministrative. “La decisione di unire la nostra forza a quella del PD parte da lontano con il precedente segretario dem Serenella Taraschi con la quale, già prima delle amministrative del 2014, avevamo gettato le basi per presentarci con un candidato comune – spiega Volpi -. Nel frattempo in casa PD cambia la guida del partito ma non l’intenzione di unirci e dunque anche insieme all’attuale segretario Andrea Cantoni abbiamo portato avanti questo progetto”.
“Un progetto che per entrambe le tornate elettorali, 2014 e 2016, si è rivelato vincente e ha dimostrato che il circolo PRC è una forza politica importante – sottolinea Volpi -, ben radicata nel paese e che per entrambe le consultazioni ha visto il proprio segretario ottenere il maggior numero di preferenze dunque il circolo PRC è sì una forza politica importante ma come s’è dimostrato può registrare un risultato vincente solo se unisce le proprie forze ad altre altrettanto importanti”. “Nel 2014 qualcuno ci disse che avevamo venduto una certa parte del corpo, che non sto qui a riportare, per un posto di potere. Rispedendo l’accusa al mittente aggiungo che non abbiamo venduto un bel niente anzi, in questi due anni abbiamo acquistato. Sì, perché oltre ad aver riconfermato la nostra credibilità, abbiamo acquistato esperienza, visibilità, che per un partito non fa mai male, e fiducia in noi stessi ma certamente quando si acquista c’è sempre un prezzo da pagare e in questo caso è stato: trovare un compromesso”.
“Dico che è stato un prezzo da pagare – continua Volpi – perché quando si lavora soli le decisioni si prendono in autonomia e con più facilità ma quando invece si lavora insieme ad altri bisogna appunto trovare dei compromessi ovvero conoscere tutti i punti di vista e le idee delle persone con le quali si lavora e arrivare insieme ad un punto di incontro, ad una decisione che vada bene a tutti e ciò non è cosa semplice ma per raggiungere dei risultati significativi e vincenti è fondamentale. Il nostro circolo dunque ha dimostrato di essere ancora una realtà politica importante e che può ottenere grandi risultati anche se le difficoltà non mancano, ma la decisione di affrontare ogni sfida sempre con coraggio e determinazione ci permettono di guardare sempre avanti oltre l’ostacolo. Chiudo ringraziando i tanti compagni e compagne, simpatizzanti e amici che ci hanno nuovamente dato fiducia e che hanno apprezzato e promosso il progetto di unione col circolo PD. Ora ci aspettano cinque anni di lavoro, svolgeremo al meglio il nostro compito e saremo sempre a disposizione di tutti. Come sempre abbiamo fatto”.

© Riproduzione riservata
Commenti