Commenta

La maglia dell'Islanda
dei miracoli è disegnata
da un 23enne casalese

Filippo Affanni ha realizzato con l'azienda Erreà di San Polo di Torrile la divisa ufficiale con cui la nazionale nordica sta affrontando, alla grande, gli europei in corso in Francia.

SAN POLO DI TORRILE (PR) / CASALMAGGIORE – C’è il geyser sound, che è già un tormentone estivo. C’è una squadra che è la Cenerentola dell’Europeo allenata da un tecnico che nella vita di tutti i giorni fa il dentista. C’è una nazione che è poi un’isola gelida capace di scaldare i cuori di tifosi e simpatizzanti ormai sparsi in tutto il mondo. L’Islanda dei miracoli, quella approdata ai quarti di Euro 2016, quando suda e vince, balla e si diverte indossa una maglia firmata dal 23enne Filippo Affanni, il “Picasso di Casalmaggiore” per dirla coi suoi colleghi, che scherzano ma fino ad un certo punto perché dietro quella silhouette, quelle linee puntinate verticali che richiamano la bandiera e i geyser islandesi, c’è studio e fantasia, lavoro da sartoria e di squadra che all’Erreà, marchio italiano con sede a San Polo di Torrile, provincia di Parma, una manciata di chilometri da Casalmaggiore, diventa un ritornello cantato da tutti.

Filippo compreso, che ancora non ha metabolizzato la portata del successo islandese e della maglia che ha contribuito a realizzare. Una maglia premiata da L’Equipe, bibbia d’oltralpe del calcio, come la più bella di Euro 2016: e se lo dicono i francesi… Nato e cresciuto a Casalmaggiore, formatosi al liceo artistico Toschi di Parma, Filippo gioca a rugby (e si vede) ma è con la grafica che è andato in meta: “Sono molto soddisfatto per il lavoro fatto con i miei colleghi”, così il 23enne oggi primo tifoso dell’Islanda. “Abbiamo realizzato le maglie su misura, insieme a due giocatori e allo staff della nazionale islandese, venuta nella nostra sede. Con loro ci siamo confrontati e abbiamo pensato a questa grafica che punta sul colore della bandiera e richiama, nelle linee verticali, i geyser tipici di quella nazione”.

Il successo dei nordici ad Euro2016 ha fatto il resto: “Abbiamo migliaia e migliaia di ordini in produzione – spiega l’export manager di Erreà, Fabrizio Taddei -. Le richieste arrivano da ogni parte del globo. I paesi scandinavi hanno adottato l’Islanda visto il brutto europeo della Svezia, dalla Scozia arrivano tantissime ordinazioni dopo l’eliminazione dell’Inghilterra. Si può dire che da domenica scorsa ci sia stata un’impennata paurosa delle ordinazioni. Pensate che abbiamo ricevuto richieste persino dalla Groenlandia e da Singapore”. Un successo planetario, insomma, con una firma a più mani: una di queste, ha la stretta possente del 23enne casalese Filippo Affanni.

Simone Arrighi

© Riproduzione riservata
Commenti