Commenta

Dimensionamento scolastico,
Pd attacca: "Giunta senza idee,
Viadana verso isolamento"

"E' chiaro che Sindaco e assessore non avessero autonomia decisionale perché l’assessore regionale e consigliere comunale aveva già delineato sulla stampa le linee che la maggioranza doveva tenere su questo tema, linee decise da mesi, prima di ascoltare le istanze dei cittadini" scrivono Vinciguerra e Federici.
federici-vinciguerra_ev
Nella foto Federici e Vinciguerra

VIADANA – “Il consiglio comunale aperto dell’8 luglio da noi richiesto insieme ai consiglieri di opposizione Perteghella e Anzola, ci ha dato la possibilità di ascoltare tutti gli attori coinvolti nella realtà scolastica viadanese e analizzare la situazione degli istituti comprensivi del territorio”. Inizia così il comunicato del Partito Democratico, a firma Vincenzo Vinciguerra e Nicola Federici, che provano a fare il punto, con una breve cronistoria, sulle prospettive di dimensionamento scolastico a Viadana.

“Lunedì 11 luglio – si legge – l’assessore provinciale Francesca Zaltieri incontra a Mantova i sindaci dei Comuni di Viadana, Pomponesco, Commessaggio, Sabbioneta e Dosolo per invitarli ad un’ulteriore riflessione, chiedendo loro di formulare proposte aventi alla base una progettualità sinergica e integrata al fine di mantenere le due dirigenze e tutte le risorse di personale sul territorio. Mercoledì 13 esce sulla stampa la conferma della scelta del Comune di Dosolo che di voler uscire dall’Istituto comprensivo se non otterrà per sé la sede della direzione”.

“Come Partito Democratico chiediamo all’amministrazione comunale di Viadana – scrivono Vinciguerra e Federici – di sospendere l’iter per la fusione dei due Istituti comprensivi, convinti che serva maggior tempo per riflettere e trovare soluzioni condivise con gli Istituti limitrofi. Non ci spieghiamo come questa amministrazione, continui a non ascoltare il territorio, procedendo nelle promesse elettorali senza valutare l’intera Area Oglio Po, invece di proporsi come Comune capofila agli istituti comprensivi di Sabbioneta e Bozzolo. Dopo Gal e Rifiuti, le scelte dell’amministrazione sulla scuola sembrano voler distruggere, ancora una volta, la coesione territoriale”.

“Le risposte del Sindaco al Consiglio Comunale aperto – prosegue il comunicato – sono state scarne e prive di ogni sostanza ed idee e l’Assessore all’Istruzione, dopo una breve introduzione letta e basata su dati teorici, non ha risposto ad alcuna sollecitazione. E’ chiaro che in tale consesso, Sindaco e assessore non avessero autonomia decisionale perché l’assessore regionale e consigliere comunale aveva già delineato sulla stampa le linee che la maggioranza doveva tenere su questo tema, linee decise da mesi, prima di ascoltare le istanze dei cittadini e degli insegnanti e senza valutare i possibili sviluppi futuri e le problematiche sottese”.

L’analisi diviene poi numerica. “Il problema dell’edilizia scolastica non si risolve accorpando gli istituti e portando il numero degli alunni per classe da 22 a 28, il risparmio dei trasporti non esiste se i bambini si muovono ugualmente nelle stesse scuole. Analizzando le conseguenze della fusione fra gli Istituti non possiamo dimenticare che ci troveremo un istituto con 1700 bambini, 3400 genitori e un corpo insegnanti da 150 persone suddivisi su 10 plessi scolastici. E portare le classi a 28 bambini è controproducente per la loro crescita e formazione, e creerebbe difficoltà agli insegnanti visto che le classi di oggi sono formate anche da bambini provenienti da diversi nazionalità che stanno imparando la nostra lingua e che richiedono maggiore attenzione e supporto”.

“Infine – conclude il comunicato – il Sindaco ha dichiarato – insieme alla maggioranza – che spostare la direzione scolastica da San Matteo a Dosolo è irrilevante e che se l’istituto di Dosolo e San Matteo cambiassero idea, sarebbe disposto a cedere la Direzione. Come Partito Democratico, abbiamo così la conferma dell’inconsistenza politico/amministrativa che la gestione leghista sta portando avanti, anche contrastando le idee di molti Cittadini e porterà Viadana all’isolamento”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti