Commenta

Vicoboneghisio, Sagra
di Santa Margherita è
successo: ora Baby Grest

Il segreto dell'iniziativa? Un mix vincente tra modernità, tradizione ed emozioni. La regina incontrastata è stata la psina rüstida con polenta, un piatto povero della tradizione ma da riscoprire leccandosi i baffi.
00-Santa-Margherita-ev
Nella foto: un momento conviviale della sagra 2016

VICOBONEGHISIO – La Sagra di Santa Margherita giunta alla sua 4^ edizione, che si è tenuta a Vicoboneghisio, frazione di Casalmaggiore (CR) durante il weekend del 15-17 luglio scorso, ha avuto un ottimo successo e continua a crescere grazie ad una buona partecipazione di pubblico. Pensata e organizzata dal Gruppo Oga e Bigoga, volontari dell’Oratorio Madre Teresa di Vicoboneghisio, Cappella e Camminata e capitanata da Don Alfredo Assandri, la sagra nasce per onorare la patrona e per promuovere uno spazio aggregativo-ricreativo-culinario nella piccola frazione maggiorina.

Le condizioni meteorologiche non hanno influenzato più di tanto l’andamento complessivo della manifestazione, eccetto per il venerdì. Anche se questo non ha inficiato l’ottima riuscita della serata gnocco fritto e dell’esibizione musicale di Diego e Annalisa, che, spaziando a 360° nella musica contemporanea, ha allietato i “temerari” presenti.

Sabato sera è stata una delle serate di maggiore affluenza e tutto è andato a regime sin dalle 19.30, orario di apertura della cucina. Ad intrattenere la serata, il grande ritorno della band dei Peritoperaria: gruppo musicale locale che attraverso le loro canzoni recuperano il nostro dialetto e le storie degli abitanti locali. Domenica mattina il Parroco ha celebrato la messa solenne nel ricordo della patrona, alla quale ha fatto seguito la migliore serata della sagra edizione 2016 con la cucina che ha nuovamente appagato i partecipanti. La regina incontrastata è stata la psina rüstida con polenta, un piatto povero ma da riscoprire leccandosi i baffi.

La serata è stata intrattenuta da Dj Visio che ha lasciato spazio nelle ore centrali alla sfilata di moda curata dai volontari dell’Oratorio e dalla Fondazione Santa Chiara. I 60 abiti da sposa, prestati per l’occasione dalle donne del paese e non solo, andavano dagli anni ’50 del Novecento ai giorni nostri e sono stati indossati dalle giovani modelle, truccate e acconciate dalle allieve dell’Istituto di formazione professionale maggiorino. Presente la direttrice Antonella Maccagni, la quale ha ringraziato dal palco e fatto i complimenti all’organizzazione per l’ottima riuscita dell’evento.

Durante tutte e tre le serate erano attivi anche il servizio bar, lo spazio giochi con laboratorio artistico e il trucca-bimbi oltre all’allestimento di due mostre itineranti: I volti della misericordia e la Laudato Si.Don Alfredo, parroco della comunità di Vicoboneghisio, Cappella e Camminata, durante il video in diretta della pagina Facebook dell’Oratorio, ha voluto ringraziare tutti i volontari che hanno dato una mano, le associazioni casalasche coinvolte, i privati e tutti coloro che a vario titolo hanno reso possibile la sagra di Santa Margherita. I volontari si uniscono ai ringraziamenti di Don Alfredo e ringraziano anche i presenti che hanno contribuito, con la loro presenza, ai ricavi interamente devoluti all’Oratorio di Vicoboneghisio, Cappella e Camminata.

Ma non finisce qua…dal 22 agosto al 2 settembre presso l’Orarorio inizierà il Baby Grest Perdiqua per i bambini dai 3 ai 6 anni. Per maggiori informazioni e iscrizioni, consultate la pagina Facebook dell’Oratorio Madre Teresa Vicoboneghisio o contattate Don Alfredo al numero 347-1668653.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti