Commenta

Pierpaolo Tognini (Lega): "GAL,
Sabbioneta ha perso un altro
treno. Lo avevamo detto!"

"Cambiano le amministrazioni, centro destra o centro sinistra, ma i risultati non cambiano; la costante resta che il nostro comune resta al palo e chi ci dirige non riesce ad inserirsi in progetti geostrategici di nessun tipo"
palazzo-ducale-sabbioneta_ev

SABBIONETA – La città ducale ha perso un treno importante e resta al palo. La scelta di restare nel GAL Oglio Po è stata funesta. Questo quanto spiegato, in un comunicato, da Pierpaolo Tognini (Lega Nord – Svolta a Sabbioneta), che va all’attacco: “Dopo quanto recentemente emerso con l’assegnazione definitiva dei fondi per lo sviluppo rurale – spiega Tognini – mi trovo costretto ad intervenire per esprimere il mio profondo rammarico in qualità di consigliere comunale della lista svolta a Sabbioneta nonchè come appartenente alla lega nord sez. di Sabbioneta. per aver perso questo ennesimo treno che poteva far smuovere l’inerzia che da troppi anni ha assunto la guida del nostro comune.

Cambiano le amministrazioni, centro destra o centro sinistra, ma i risultati non cambiano; la costante resta che il nostro comune resta al palo e chi ci dirige non riesce ad inserirsi in progetti geostrategici di nessun tipo. Avevo già detto agli amministratori attuali che seguire il “vecchio gal” sarebbe senz’altro stata controproducente; loro mi apostrofarono dicendomi che non era ancora stato scritto nulla, ma a fronte di interessi sovraprovinciali interconnessi con comuni della provincia di mantova anche distanti tra di loro, ma uniti dalla loro vicinanza al fiume po e con la voglia di creare qualcosa di nuovo e forte il risultato è stato proprio quello che si paventava da più parti. Sabbioneta con pochi altri comuni della zona resta al palo.

Gli amministratori della città ideale in carica dichiarano a parole di cercare ogni possibilità per procurare nuove opportunità ai propri cittadini, ma di fatto restano attaccati a “locomotive” che si sono fermate da anni in rimessaggio e che difficilmente torneranno a sbuffare come facevano una volta. Anche in campagna elettorale avevamo dichiarato che Sabbioneta doveva essere parte attiva nelle decisioni territoriali e che non doveva farsi trascinare da nessuno…noi volevamo essere attori del cambiamento e abbiamo messo in guardia gli attuali amministratori dall’emarginare ulteriormente il nostro territorio…purtroppo le mie, le nostre previsioni si sono avverate.

Grazie alla miopia politico territoriale dei nostri amministratori siamo ancora una volta ad apprendere notizie negative che allontanano sempre di più il nostro amato comune dai percorsi che possono portare risorse a Sabbioneta”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti