Commenta

Giovanni Cavatorta: "Certo,
se chi c'era prima avesse
fatto più manutenzione..."

Il sindaco di Viadana, oltre a rispedire al mittente le accuse, risponde alle critiche della minoranza. "Comunque stiamo intervenendo e siamo intervenuti nelle scuole. Lì i soldi non sono mai buttati"
cavatorta-federici_ev

VIADANA – Risponde a stretto giro il primo cittadino di Viadana Giovanni Cavatorta alle critiche della minoranza relative alla scuola. E ribalta le accuse: “Se ci sono infiltrazioni nel tetto – spiega – questo non è dovuto alla presenza delle aule scolastiche. Se ci fosse stato dislocato il giudice di pace o altre istituzioni non è che l’infiltrazione si sarebbe fermata: certo, se negli anni scorsi in cui i consiglieri erano assessori avessero fatto maggiore manutenzione all’edificio probabilmente lo stabile sarebbe messo meglio. Comunque l’infiltrazione mi dice l’ufficio tecnico è stata risolta, è rimasta la macchia nell’androne che va pitturata. Le certificazioni sono richieste di routine per i nostri edifici, gli ex assessori dovrebbero saperlo. Per quanto riguarda il bagno aggiuntivo allego risposta dell’ufficio tecnico a cui attendiamo controrisposta. Tra le altre cose in queste settimane stiamo intervenendo sugli edifici scolastici di Carrobbio e via Vanoni per manutenzioni ai tetti che non sono certo questioni degli ultimi mesi, cioè di questa amministrazione ma affondano la necessità negli anni passati come anche l’intervento di rimozione della lana di roccia isolante presente in via vanoni mai rimosso… ma alcuni hanno la memoria corta. Le minoranze non parlino di assenza di lungimiranza riguardo alla nostra amministrazione. Ne hanno avuta loro quando votarono, in una situazione cronica di assenza di spazi che si trascinava da anni e anni, l’attuale dimensionamento? Un dimensionamento che ha portato tra le altre cose alla proliferazione delle classi che ci ha costretti appena insediati l’anno scorso all’urgenza di reperire locali scolastici ulteriori (e l’ex pretura era l’unica alternativa percorribile in brevissimo tempo) e a investire risorse? La domanda che i consiglieri mettono in bocca ai cittadini, se i soldi spesi per il distaccamento sono stati spesi bene o buttati, dovrebbero rivolgerla a loro stessi. Se i consiglieri avessero almeno letto con attenzione la nostra proposta di dimensionamento avrebbero almeno capito che con essa, in base ai trend e alle proiezioni che abbiamo allegato di natalità e iscrizioni alle prime classi nel prossimo quinquennio, non ci sarà un’ulteriore proliferazione e necessità di classi, cosa invece scontata se si fosse rimasti coi due comprensivi. Noi comunque crediamo che i soldi investiti nelle scuole non siano mai gettati”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti