Commenta

Alla riscoperta
della gonzaghesca
Corte Grancia

Sotto il portico e nel parco della villa di Vespasiano Gonzaga Colonna, Duca di Sabbioneta, Principe del Rinascimento, Cavaliere dell’Ordine del Toson D’oro un aperitivo particolare
corte-grancia-ev

VILLA PASQUALI – Il Gruppo Aiuto ai Missionari Villa Pasquali Consorzio Sablonetae ExcèlsuS – Associazione Sapori Arte Cultura organizza, sotto il portico della cinquecentesca ‘Corte Grancia’ (dalle 19.30 alle 20.30), l’Aperitivo storico & solidale, per aiutare chi soffre. Sotto il portico e nel parco della villa di Vespasiano Gonzaga Colonna, Duca di Sabbioneta, Principe del Rinascimento, Cavaliere dell’Ordine del Toson D’oro un aperitivo particolare ed una piccola offerta da destinare ai bambini dell’Africa delle suore ‘Figlie di Maria Missionarie’ fondate da Don Giacinto Bianchi. Come si legge dalle note del FAI di Mantova, Corte Grancia, è residenza rurale del XVI° secolo, appartenuta a Vespasiano Gonzaga duca di Sabbioneta. L’edificio principale, la cui costruzione si può far risalire al 1496, era posto al centro di due giardini delimitati da una muraglia. Era usata come luogo di ozio letterario e svago, ma anche come centro di raccolta  dei proventi e di controllo del territorio. La villa era circondata alberi da frutto e ornamentali , vi era una  peschiera oggi scomparsa, alimentata dal Naviglio che collegava Sabbioneta a Villa Pasquali. Con la morte del duca nel 1591 la Corte perse il ruolo di residenza nobile, subendo negli anni successivi alterazioni e integrazioni. Dopo esser passata di proprietà varie volte fu acquistata dalla famiglia Galafassi, attuali proprietari, nel 1814. Nella saletta a destra dell’attuale ingresso si possono notare tra un finto colonnato una figura con l’abito drappeggiato, un medaglione in pittura monocroma in cui sono visibili le parole: IMPERATOR  AUG.P.F.D (interpretata come: l’imperatore Augusto felicemente regnante). Purtroppo la suddivisione della originaria parete, effettuata in epoche successive, copre parte degli affreschi. Data l’inagibilità del piano superiore, si può solo supporre che sia più ricca e meglio conservata. Interessanti anche le colonne d’ordine corinzio che sostenevano i tre archi della loggia in cui era ubicato l’ingresso originario.  Altre decorazioni pittoriche raffiguranti quattro Atlanti con teste leonine  si trovano all’interno del fienile.  Nell’occasione Enrico Rossi illustrerà l’architettura, l’arte e la storia della ‘Corte della Grangia’ in Villa Pasquali e Letizia Cimardi presenterà il libro ‘Il Duca di Sabbioneta’ messo a disposizione dall’Associazione Pro Loco. Saranno presenti anche i figuranti del Gruppo Storico Città di Sabbioneta. Coordinano Roberto Marchini e Corrado Sampietri.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti