Commenta

Bozzolo, Alice Borsari
potrebbe lasciare la giunta
per motivi professionali

D’altra parte anche Pieluigi Marcante, della minoranza, lavora a Roma sei giorni su sette eppure a lui sono stati affidati compiti da semi assessore. Spesso in politica a pensare male alla fine “ci si azzecca”. Un destino curioso quello della Borsari che la collega ad un’altra assessora, Diletta Pasetti.
borsari-consiglio-bozzolo_ev

BOZZOLO – Fare il sindaco al giorno d’oggi non è certamente un lavoro facile. Perchè oltre ai problemi ammistrativi, agli attacchi delle opposizioni c’è da fare i conti anche con chi per problemi personali potrebbe decidere di abbandonare la nave vedendo il mare tempestoso davanti a sé. Dopo le dimissioni di Diletta Pasetti un’altra assessora potrebbe generare un vuoto in Giunta: si tratta di Alice Borsari assessore all’Urbanistica nonchè capogruppo in seno al Consiglio Comunale.

I timori di questo nuovo abbandono nascono dalla decisione di assumere un importante lavoro che porterà  la Borsari lontano da Bozzolo, come da lei direttamente spiegato alle persone piu vicine. Tuttavia c’è chi si affretta a tenere le acque calme assicurando che non ci sarà nessun cambiamento anzi dichiarando che “Alice rimane saldamente al suo posto, avendo già programmato l’organizzazione dei lavori e delle riunioni”. Anche se il nuovo incarico la dovesse tenere impegnata a cento chilomentri di distanza la sua presenza in Municipio a ricevere i cittadini  non verrà a mancare, sostengono i bene informati, pur suscitando qualche perplessità.

D’altra parte anche Pieluigi Marcante, della minoranza, lavora a Roma sei giorni su sette eppure a lui sono stati affidati compiti da semi assessore. Spesso in politica a pensare male alla fine “ci si azzecca”. Un destino curioso quello della Borsari che la collega ad un’altra assessora, Diletta Pasetti, pure lei allontanatasi da Bozzolo per ragioni professionali. Entrambe ricordate per le lacrime di sofferenza sgorgate durante quella drammatica seduta consiliare davanti allo sfacelo di una maggioranza che il sindaco Torchio non riusciva più a tenere unita, anche per i colpi implacabili sferrati continuamente da Scognamiglio e Nardi, due assessori poi passati in minoranza.

Alice Borsari aveva già lasciato i banchi della maggioranza quasi contemporaneamente alle dimissioni di Nicola Scognamiglio nell’agosto dello scorso anno ritornando sui suoi passi l’aprile di quest’anno, allorchè nel ruolo di Sindaco fu nominata Cinzia Nolli in seguito alla decadenza di Torchio proclamata dal Tribunale di Brescia. Borsari venne richiamata da Nolli che riuscì a ricomporre una sua squadra funzionante. Adesso l’augurio alla sindaca Nolli è che Alice Borsari, abbandonando lo studio Sarasini di Commessaggio per un incarico a Milano possa davvero continuare a garantire la sua competenza e presenza nella suadra politica di Bozzolo. In questo modo Nolli potrebbe fare suo il motto della “collega”  romana Virginia Raggi: “Io ho le spalle larghe, non è un problema per me e nemmeno per la mia Giunta”.

Ros pis

© Riproduzione riservata
Commenti