Commenta

Oltrefossa al Tocatì: e il
gioco Sburla la Roda presto
potrebbe approdare in Spagna

“Siamo stati invitati a Barcellona a dicembre, per partecipare a una festa tradizionale locale - spiega Sarzi Braga - e speriamo di concretizzare il tutto. Di sicuro non lasciamo perdere una strada molto interessante: ci chiamiamo Oltrefossa proprio perché vogliamo andare oltre il nostro locale".
oltrefossa-tocati_ev

FOSSACAPRARA (CASALMAGGIORE) – Il gioco Sburla la Roda pronto ad approdare a Barcellona, in Spagna? Beh, i contatti sono ancora in fase embrionale, ma la strada sembra davvero tracciata. Sabato infatti al Tocatì di Verona, la più importante fiera (o forum, che dir si voglia) organizzata dall’Associazione Giochi Antichi, era presente anche il Circolo Oltrefossa di Fossacaprara con tutto il direttivo, guidato dal presidente Roberto Sarzi Braga, oltre ad alcuni compaesani che hanno deciso di partecipare alla trasferta.

“E’ andata bene – spiega Sarzi Braga – e per noi il Tocatì è sempre una bella occasione anche per prendere spunto per la nostra sagra: un vero e proprio scambio culturale”. In particolare il circolo Oltrefossa ha portato a Verona una rotoballa realizzata in miniatura appositamente per l’occasione, e questa è stata esposta nello stand principale dell’evento, accanto ad alcuni pannelli che hanno spiegato la storia, l’origine e la tradizione del gioco “Sburla la Roda”. Fossacaprara ormai da tre anni partecipa al Tocatì. “Inizialmente abbiamo pure fatto una dimostrazione in Piazza delle Erbe – ricorda Sarzi Braga – ma anche stavolta abbiamo attirato parecchi curiosi. Come? Andando sul sicuro, con una bella merenda padana a base di salame, ciccioli e lambrusco. Il cibo è stata la scusa, ovviamente, per pubblicizzare e raccontare a tutti i presenti la nostra sagra e il nostro gioco”.

I contatti e i gemellaggi esistenti, con Pienza e San Pellegrino Parmense ad esempio, sono stati rinsaldati, e uno nuovo potrebbe presto essere ufficializzato. Con Barcellona, appunto. “Siamo stati invitati in Spagna a dicembre, per partecipare a una festa tradizionale locale – spiega Sarzi Braga – e speriamo di concretizzare il tutto. Di sicuro non lasciamo perdere una strada molto interessante: ci chiamiamo Oltrefossa proprio perché vogliamo andare oltre il nostro locale e in tale direzione ci stiamo muovendo. Gettare ponti è la nostra mission”.

In particolare l’associazione spagnola sta lavorando al recupero e alla valorizzazione della cultura della paglia: e cosa c’è di meglio di Sburla la Roda e anche dei Gnoc a la Mulinera, piatto tipico di Fossacaprara valorizzato proprio dalla locale sagra? Paglia nel gioco e frumento nel piatto, come spiegano da Oltrefossa. E intanto proprio l’associazione di Fossacaprara s’è lasciata ispirare da qualche gioco visto al Tocatì. “Non sveliamo nulla, ma grazie a quanto visto a Verona potremmo anche pensare di introdurre simpatiche novità alla prossima Sagra di Fossa, nell’agosto 2017”.

Giovanni Gardani 

© Riproduzione riservata
Commenti