Commenta

Auser Torricella, nuova auto
per i volontari: "Grazie anche
a chi ha giocato a tombola"

"Ho visto l’auto, un tempo usata dall’agente di polizia municipale prima di unificare il servizio con l’unione, che giaceva nel capannone e già messa all’asta. Ho proposto il nuovo utilizzo al sindaco che ne è rimasto entusiasta, così come tutti nel consiglio dell’Auser" spiega Guglielmo Mantovani.
auser-torricella_ev

TORRICELLA DEL PIZZO – L’Auser di Torricella ha a disposizione un automezzo per le proprie esigenze e soprattutto per il trasporto di anziani negli ospedali, a supporto del servizio già esistente a cura del Comune. La consegna del mezzo è avvenuta sabato mattina alla presenza del sindaco Emanuele Sacchini e di un folto gruppo di volontari, con in testa il presidente Guglielmo Mantovani.

«Presentiamo ufficialmente il servizio aggiuntivo che è molto utile», ha affermato nella sede dell’Auser Sacchini, che ha poi spiegato: «Il Comune offre da anni questo servizio col Doblò, ma abbiamo il problema di un calo di volontari dopo che parte di loro hanno superato l’età massima consentita. Di effettivi ne sono rimasti solo 5-6, ed è già capitato di non aver potuto soddisfare qualche richiesta giunta agli uffici. Con il consiglio direttivo dell’Auser si è instaurato ormai un rapporto proficuo e di scambio, per questo è stata fatta una convenzione che coinvolge la manutenzione del verde e la piazzola ecologica, e altri servizi non professionali. Tra questi anche la manutenzione del Doblò, grazie alle donazioni dell’Auser. La seconda auto di per sé non risolverà il problema, servirebbe qualche volontario in più». L’auto, una Fiat Punto, è stata ceduta dal Comune in comodato gratuito. Potrà essere usata per le attività dell’Auser e per il trasporto anziani qualora il Doblò sia già impegnato per simultanee richieste. Sacchini ha ringraziato i presenti, sottolineando l’importanza del volontariato.

La sede Auser poco prima della consegna dell'auto

La sede Auser poco prima della consegna dell’auto

Guglielmo Mantovani ha ringraziato a sua volta il Comune per la sede che ha dato l’opportunità di trascorrere in compagnia il sabato sera, e ricordato come è nata la convenzione: «Ho visto l’auto, un tempo usata dall’agente di polizia municipale prima di unificare il servizio con l’unione, che giaceva nel capannone e già messa all’asta. Ho proposto il nuovo utilizzo al sindaco che ne è rimasto entusiasta, così come tutti nel consiglio dell’Auser. Abbiamo portato l’auto in carrozzeria per il restyling ed ora è pronta per l’utilizzo. Questo è possibile grazie a tutti coloro che ogni sabato giocano a tombola».

Un momento della gara ciclistica durante la Fiera di Torricella

Un momento della gara ciclistica durante la Fiera di Torricella

Per il nuovo servizio è stata utilizzata parte del ricavato della tombola della Fiera che si è svolta lunedì scorso. A proposito della Fiera, grazie anche al meteo favorevole, tutte le iniziative hanno radunato un buon numero di persone. A partire dall’inaugurazione della Biblioteca, con la presentazione del libro per apprendere l’inglese di Adrian Huntley e l’inaugurazione della apprezzata mostra “Torricella ricorda”, che rimane aperta. Dopo il torneo di briscola, il sabato sera è andato oltre le aspettative lo spettacolo con i Ciccioli, un gruppo di 7 cabarettisti (tra i quali anche Mauro Adorni e un noto personaggio di Colorado Café) che hanno divertito tutti i presenti. Mauro Adorni ha replicato domenica sera con la commedia, appuntamento che tradizionalmente attira tanti spettatori, ed è accaduto anche stavolta.

Un momento della commedia dialettale a Torricella

Un momento della commedia dialettale a Torricella

Da segnalare che il Comitato Fiera organizzatore ha deciso di devolvere alle persone colpite dal terremoto l’utile della serata. Nel pomeriggio ampia partecipazione di giovani ciclisti (un centinaio, anche da La Spezia) al Gran Premio Torricella, organizzato dal Pedale Cremonese. Lunedì sera appunto chiusura con la tombola targata Auser, che ha riempito il Palatenda in piazza Boldori.

Vanni Raineri

© Riproduzione riservata
Commenti