Commenta

Torchio chiama il governo
su mobilità ferroviaria:
"Risultati non lusinghieri"

"Nota a margine - spiega Torchio provando a escludere la polemica politica contro Regione Lombardia - . Né centralismo, né federalismo: si giudica dai risultati che, a livello infrastrutturale, nel Sud Lombardia, non sono lusinghieri".
delrio-torchio_ev
Nella foto Del Rio e Torchio

BOZZOLO – “Ho scritto al Ministro Del Rio per sapere che prospettive concrete esistono di collegare non solo Mantova ma anche Bozzolo (in riferimento città Unesco Sabbioneta), Piadena e Cremona all’alta velocità ferroviaria (Modena). La risposta pervenuta al sindaco di Cremona non é stata lusinghiera”.

Così Giuseppe Torchio esprime perplessità e delusione in merito a una opportunità che sembra così scemare. Ma non si tratta dell’unico intervento in tema di viabilità. “Chiedo inoltre l’orientamento del governo in ordine all’emendamento ‎della provincia di Brescia (presidente Gigi Mottinelli, consigliere delegato Diego Peli) che chiede il potenziamento e la elettrificazione della San Zeno-Piadena-Parma , anche in relazione al Ti Bre ferroviario ed al raddoppio della linea Mantova-Cremona-Codogno, di recente inserita nel piano regionale della Lombardia”.

“Ho chiesto, inoltre – prosegue Torchio – stanti le pressanti ed inevase richieste di intervento locale quale sia il punto di vista del governo in ordine alla richiesta del general manager di Trenitalia Mazzoncini di acquisire il controllo totale di Trenord mediante la ripresa del 50% del capitale azionario, acquisito da Regione Lombardia. Nota a margine – conclude Torchio provando a escludere la polemica politica – . Né centralismo, né federalismo: si giudica dai risultati che, a livello infrastrutturale, nel Sud Lombardia, non sono lusinghieri”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti