Commenta

Domenica a Torre dè Picenardi
la cerimonia di insediamento
del parroco don Claudio Rossi

Al termine dell’omelia, tenuta da mons. Napolioni, il nuovo parroco reciterà da solo la professione di fede (il Credo), segno che sarà lui il primo responsabile della diffusione e della difesa dei contenuti della fede nella comunità. E sarà proprio don Rossi a prendere la parola per il saluto ai nuovi parrocchiani.
don-rossi-torre_ev

TORRE DE’ PICENARDI – Sono due gli insediamenti dei nuovi parroci in programma nella giornata di domenica 9 ottobre. Il primo appuntamento in mattinata a Torre de’ Picenardi dove alle 10.30 il vescovo Antonio Napolioni presiederà la messa di ingresso di don Claudio Rossi, nuovo parroco di Torre de’ Picenardi, San Lorenzo de’ Picenardi, Pozzo Baronzio e Ca’ d’Andrea. Don Rossi sostituisce don Giampaolo Rossoni dopo il grave incidente automobilistico alla fine dell’aprile scorso.

La processione d’ingresso prenderà le mosse da Villa Sommi Picenardi, il suggestivo castello di Torre. Una volta giunta sul sagrato della parrocchiale intitolata al vescovo sant’Ambrogio, il sindaco Mario Bazzani porgerà al vescovo e al nuovo parroco il saluto da parte dell’Amministrazione comunale. Quindi in chiesa, dopo il saluto liturgico da parte di mons. Napolioni, il vicario zonale don Claudio Rubagotti darà lettura del decreto di nomina del nuovo parroco che, al termine, aspergerà l’assemblea con l’acqua benedetta e incenserà la mensa eucaristica.

Poi Palma Galli, in rappresentanza delle quattro comunità parrocchiali, porgerà il saluto al nuovo parroco e al vescovo. La celebrazione sarà animata con il canto dal coro parrocchiale diretto dal mestro Donato Morselli e con all’organo il maestro Ugo Boni di Sabbioneta. Tra i sacerdoti concelebranti il collaboratore parrocchiale don Paolo Fusar Imperatore.

Al termine dell’omelia, tenuta da mons. Napolioni, il nuovo parroco reciterà da solo la professione di fede (il Credo), segno che sarà lui il primo responsabile della diffusione e della difesa dei contenuti della fede nella comunità. E sarà proprio don Rossi, al termine della celebrazione, a prendere la parola per il saluto ai nuovi parrocchiani. Dopo la Messa la firma degli atti ufficiali da parte del Vescovo, del nuovo parroco e di quattro testimoni, uno per ognuna delle quattro comunità. Seguirà un momento di festa a Villa Sommi Picenardi. In serata, invece, alle 21, sempre nella chiesa di Torre de’ Picenardi, don Rossi incontrerà i ragazzi per un momento di “presentazione”. In preparazione all’ingresso del nuovo parroco, la sera di giovedì 6 ottobre le confessioni; venerdì 7 rosario in musica supportato dalla corale parrocchiale.

Biografia del nuovo parroco

Don Claudio Rossi è nato a Trigolo il 6 marzo 1958 ed è stato ordinato sacerdote il 19 giugno 1982. È stato vicario a Commessaggio (1982-1989) e a Piadena (1989-1997). Nel 1997 è stato promosso parroco di Voltido e l’anno successivo gli è stata anche affidata, in qualità di amministratore, la comunità di Drizzona. Nel 2004 il trasferimento a San Felice e San Savino. Lo scorso luglio il vescovo Napolioni l’ha nominato parroco di Torre de’ Picenardi, San Lorenzo de’ Picenardi, Pozzo Baronzio e Ca’ d’Andrea succedendo a don Giampaolo Rossoni.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti