Commenta

San Martino, in vendita
le ville demaniali. Renoldi:
"Meglio tardi che mai"

Si tratta di due ville abbandonate da anni, ma di una bellezza eccezionale. Costruite negli anni ’30, sono prospicienti la Greenway, la ciclabile del fiume Oglio che porta dal Tonale fino al Po. Sono dotate entrambe di imperiose scale in marmo, pavimenti particolari, muri d’altri tempi.
casa-abbandonata-san-martino_ev

SAN MARTINO DALL’ARGINE – Sono in vendita le ville demaniali che il Comune di San Martino dall’Argine aveva acquisito attraverso il federalismo demaniale. Una è in vendita a 65mila euro di base d’asta, mentre l’altra addirittura a 33mila euro di base d’asta. “Peccato che solo così tardi lo Stato abbia capito che era meglio passarli gratuitamente ai Comuni. L’avessero fatto 30 anni fa, oggi probabilmente sarebbero già in un altro stato. Ad oggi il prezzo di vendita, praticamente, è il prezzo del terreno edificabile, null’altro”, afferma il Sindaco Alessio Renoldi.

Si tratta di due ville abbandonate da anni, ma di una bellezza eccezionale. Costruite negli anni ’30, sono prospicienti la Greenway, la ciclabile del fiume Oglio che porta dal Tonale fino al Po. Sono dotate entrambe di imperiose scale in marmo, pavimenti particolari, muri d’altri tempi. Ognuna di esse ha molte stanze, fino a 14 quella grande, oltre alle cantine, ai garage, alle soffitte e ai balconi. La più grande ha un grande terrazzo che si apre sulla natura incontaminata del Parco Oglio Sud. Ognuna di esse ha a disposizione un area cortiva di oltre 1.000 metri quadrati, nella quale sarà possibile ricavare un grande parco o un giardino.

Il Sindaco ne parla con un pizzico di rammarico. “Fossimo stati in altri tempi, erano immobili che si potevano recuperare, sistemare attraverso appositi bandi o finanziamenti. Nei nostri sogni potevano essere ricavati ristoranti, ostelli o attività recettive di vario genere, e invece bisogna essere molto realisti. Non c’è alcuna possibilità che il Comune possa recuperarli, servono troppi soldi. Per questo, a malincuore, li mettiamo in vendita. A questi prezzi possono essere dei buonissimi investimenti, non solo per i privati, ma anche per le imprese edili. Vediamo come va l’asta”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti