Cultura
Commenta

Sabbioneta - Fondi (Latina), gemellaggio nel nome di Giulia Gonzaga

La mostra sarà inaugurata con una conferenza dedicata a Giulia alla quale è stato invitato ad intervenire anche Alberto Sarzi Madidini, cultore di storia della Città Ideale, che parteciperà all'evento insieme ad altri rappresentanti delle terre che dettero i natali a Giulia.

SABBIONETA – Sabato 12 novembre nel castello Caetani di Fondi (Latina) si terrà l’inaugurazione di una mostra iconografica su Giulia Gonzaga programmata in occasione della ricorrenza del 450° anniversario dalla scomparsa, avvenuta a Napoli nel 1566.

Giulia, zia di Vespasiano Gonzaga fondatore di Sabbioneta, personalità quasi leggendaria, è stata una delle donne più celebri del Cinquecento italiano. Nata a Gazzuolo nel 1513, mandata in sposa a soli 13 anni a Vespasiano Colonna, rimasta vedova a 15 anni, creò per alcuni anni una piccola corte a Fondi da dove fuggì quando il pirata turco Barbarossa tentò di rapirla per portarla in dono all’harem del sultano. Rifugiatasi a Napoli mantenne importanti relazioni culturali, cercò di tessere strategie politiche e alleanze matrimoniali, frequentò ambienti religiosi considerati eretici (correndo anche il rischio di essere mandata sul rogo). Alla sua morte lasciò i beni in eredità al nipote Vespasiano che le era stato affidato in giovane età.

La mostra sarà inaugurata con una conferenza dedicata a Giulia alla quale è stato invitato ad intervenire anche Alberto Sarzi Madidini, cultore di storia della Città Ideale, che parteciperà all’evento insieme ad altri rappresentanti delle terre che dettero i natali a Giulia. Gli esponenti della città di Vespasiano Gonzaga, che a Fondi è nato, visiteranno anche il locale nuovo Museo Ebraico che raccoglie testimonianze di una Comunità Ebraica che, analogamente a quella della città mantovana, era molto attiva. L’evento sarà una occasione per consolidare i rapporti tra le due città ripresi, dopo decenni di stasi, nel 2013 quando le Pro Loco di Sabbioneta e di Commessaggio organizzarono una visita culturale ed istituzionale nella città laziale.

L’interessante avvenimento è aperto a tutti, chi è interessato a partecipare contatti il 348 4901552 oppure madidini@alice.it

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti