Commenta

Unione Terre dei Gonzaga,
per Bozzolo il matrimonio
non s'ha ancora da fare

A dire il vero per Nardi non è l’Unione che non si deve fare ma le condizioni capestro che ne caratterizzano il regolamento. Togliendo per esempio il vincolo dei 18 mesi per l’eventuale recesso e le forti penali in caso di inadempienza.

BOZZOLO – Ancora una fumata nera per quanto riguarda l’Unione tra Bozzolo e Rivarolo Mantovano. E’ come se la sala consiliare bozzolese fosse diventata il palcoscenico in cui rappresentare un classico di Alessandro Manzoni. La sindaca Cinzia Nolli assalita dai “Bravi” (Sergio Nardi e il resto delle minoranze) determinati a impedire il progetto con la classica intimidazione “Questo matrimonio non s’ha da fare”.

A dire il vero per Nardi non è l’Unione che non si deve fare ma le condizioni capestro che ne caratterizzano il regolamento. Togliendo per esempio il vincolo dei 18 mesi per l’eventuale recesso e le forti penali in caso  di inadempienza. Persino il consigliere Pierluigi Marcante, ultimamente molto vicino alla maggioranza, ha suggerito una riflessione su quei punti spingendo la prima cittadina a raccogliere le carte e a dichiarare sorprendentemente che la questione veniva ritirata. Quali che siano le ragioni di tale momentanea rinuncia non è facile comprenderlo anche se una delle ipotesi è l’incertezza sull’approvazione mancando in sala l’assessore Alice Borsari e Nicola Scognamiglio, assente dai banchi dell’opposizione.

minoranze-bozzolo_ev

Sul conteggio dei voti validi poi aleggia sempre il dubbio se prendere in considerazione o meno la mano alzata del sindaco nella veste di coordinatrice dell’assemblea. Lasciando l’aula, Cinzia Nolli, alla domanda se le modifiche di Nardi (da lei giudicate pretestuose) avessero avuto possibilità d’accoglienza, ha risposto che tutto andava valutato. Sicuramente se ne riparlerà sabato prossimo poiché ancora due sono i Consigli Comunali previsti per questa benedetta Unione. Per la felicità dei convocati sia per chi i gettoni di presenza li incassa ad ogni adunata sia per chi li devolve in beneficenza.

Aggiungendo suspence al già intricato giallo politico istituzionale, va ricordato che martedì 13 il Consiglio Comunale di Rivarolo si riunirà con all’ordine del giorno lo stesso argomento relativo all’Unione Terre dei Gonzaga. Per loro un semplice pro forma considerando la maggironza detenuta. E viene ancora alla mente  il riferimento al rito matrimoniale. Senza la presenza dei “Bravi” stavolta ma per la ragione che uno dei due coniugi, Bozzolo, non riesce ancora a presentarsi davanti all’altare. A meno che la notte di Santa Lucia riesca a favorire un miracolo.

Ros Pis

© Riproduzione riservata
Commenti