Cronaca
Commenta

Giuliano e Alessio, un empanada nella stratosfera: partito il crowdfunding

"Ci piacerebbe farla partire da una città - prosegue Giuliano - magari Casalmaggiore o Parma. Ma andrebbe bene anche Rivarolo Mantovano". Il crowdfunding è iniziato: servono 3500 euro per la missione

15724851_1090473377742553_595002987553414876_oRIVAROLO MANTOVANO – Sarà la prima missione spaziale a partire da qui. E sarà una festa grande. Per ora i due amici di Rivarolo, Alessio Gorni (26 anni) e Giuliano Fertonani (25 anni) che hanno pensato alla folle idea sono impegnati nel crowdfunding del progetto. Un crowdfunding, lanciato sulla piattaforma apposita indiegogo, che durerà per tutto il mese di gennaio. Obiettivo 3.500 euro (110 già incassati). A partire per la missione nella stratosfera, prima creatura mantovana in missione spaziale, sarà un… empanada. “Abbiamo creato Kempa world, un mondo popolato dalle empanadas – scrivono i due amici – e Mr president ha annunciato la prima missione spaziale. Con un pallone meterologico e una sonda attrezzata di action cameras manderemo la prima empanada nella stratosfera, in diretta live streaming. Questa avventura sarà soggetto di una micro-web-series divisa in tre episodi, inoltre organizzeremo una grande festa il giorno del lancio! Empanadas, nachos, felicità, musica dal vivo e naturalmente il lancio verso lo spazio in diretta”. Alessio e Giuliano lavorano sotto la forneria Bini, con l’ambizione di lanciare un giorno il prodotto con un  proprio marchio ed una propria attività. Le empanadas sono dei fagottini di pasta ripieni di carne, tipici dell’America Latina. Tradizionalmente vengono servite alle jaranas criollas, ovvero alle feste creole, così chiamate in Perù. “Diciamo che la nostra è una libera interpretazione – spiega Giuliano Fertonani – perché il nostro palato è poco abituato ai sapori dell’Americ15732238_1090450514411506_6745138058913547643_oa latina. Resta il fagottino, ma il ripieno è all’italiana”. La missione nella stratosfera è stata organizzata di tutto punto: “Ci piacerebbe farla partire da una città – prosegue Giuliano – magari Casalmaggiore o Parma. Ma andrebbe bene anche Rivarolo Mantovano. Il 60% del crowdfunding è relativo alla strumentazione. Un pallone aerostatico con un contenitore adatto alle temperature della stratosfera. Quando il pallone raggiungerà la stratosfera scoppierà e l’empanada nella sua ‘navicella’ atterrerà con l’ausilio di un paracadute. Tutto sarà ripreso e il materiale sarà oggetto di una web serie che curerà Alessio che si occupa di tutta la parte grafica. Naturalmente tutto sarà fatto nel rispetto delle normative e con il permesso di Enav. Secondo i calcoli l’empanada potrebbe atterrare anche a 200 km di distanza dal punto di lancio”. La missione nella stratosfera è partita. La prima empanada ‘mezzosangue’ dell’Oglio Po giungerà dove mai nessun umano di queste lande è giunto prima. Sarà una gran festa, giurano i protagonisti. Folli sognatori impegnati in un progetto divertente che, loro sperano, li porti concretamente – con le loro empanadas – a toccare il cielo.

Nazzareno Condina

© Riproduzione riservata
Commenti